BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppolo e Carona: la proposta della “Monte Poieto” per acquistare gli impianti

Un milione e 400mila euro per l’acquisto dei beni di Brembo Ski in Val Carisole, 700mila euro per le seggiovie Quarta Baita e Montebello. Da concordare anche l'affitto dei terreni di proprietà della Devil Peak. Ipotesi apertura impianti sabato 28 novembre, Covid permettendo

“Se nessuno si presenterà all’asta, con la nostra offerta vogliamo mettere un punto definitivo a questa vicenda” e “aprire una fase nuova per il comprensorio sciistico Foppolo-Carona”.

Sono le parole di Ezio Berera, responsabile marketing e comunicazione della Foppolo-Carona Ski, società nata lo scorso anno per la gestione del comprensorio sciistico in alta Valle Brembana, guidata da Stefano Dentella, già a capo della Sviluppo Monte Poieto: società che gestisce anche le seggiovie di Piazzatorre e che mercoledì 28 ottobre ha formalizzato la proposta d’acquisto dei beni della Brembo Super Ski in località Carisole, già gestiti durante la scorsa stagione invernale.

L’acquisto per un milione e 400mila euro dei beni (200mila euro di cauzione, di cui 60mila per effettuare i lavori di manutenzione necessari a seguito dei danni causati dal maltempo di inizio ottobre) comprende gli impianti di risalita Valgussera, Conca Nevosa e Alpe Soliva (oltre al nastro trasportatore della scuola-sci), gli impianti di innevamento, i generatori di neve, gli automezzi e il software Ski Data, oltre alle aree edificabili alla partenza della seggiovia in paese, le aree agricole di interesse pubblico e gli edifici asserviti agli impianti di risalita.

“Proposta già sostanzialmente accettata dal comitato dei creditori e dai curatori fallimentari – spiega Ezio Berera – mentre il giudice si è riservato di indire un’asta ulteriore a partire da lunedì 2 novembre, con termine entro i dieci giorni successivi. Se tutto va come speriamo, dovremmo ufficializzare l’acquisto entro la metà di novembre”.

La Sviluppo Monte Poieto ha formalizzato anche una proposta d’acquisto, dal comune di Foppolo, delle seggiovie Quarta Baita e Montebello: 65mila euro per l’affitto durante la stagione invernale in arrivo e 700mila euro per l’acquisto definitivo. Impianti di proprietà della Devil Peak, ma nella disponibilità del comune di Foppolo (espropriate, ma mai pagate).

“Con Giacomo Martignon (Devil Peak) dobbiamo ancora concordare i canoni d’affitto per quanto riguarda le piste di sua proprietà – aggiunge Berera  -. Ma già l’anno scorso siamo giunti ad un accordo senza troppi problemi”.

La Sviluppo Monte Poieto, nel frattempo, si è dichiarata già pronta ad effettuare interventi di manutenzione degli impianti (in particolare alla seggiovia Valgussera). “Dovremmo essere in grado di riaprire sabato 28 novembre (in concomitanza con Valtorta), sempre che l’evoluzione della situazione sanitaria possa permettere una riapertura degli impianti di risalita. In ogni caso, se ci verrà dato il via libera, apriremo nel rispetto delle regole: abbiamo tutti gli spazi per scongiurare assembramenti – spiega Berera. – A tal proposito, il comune di Branzi si è già mostrato disponibile a mettere a disposizione gratuitamente il piazzale antistante la caserma dei carabinieri, dove potremmo aprire una biglietteria. Aspettiamo la decisione definitiva. Se nessuno si presenterà all’asta, vogliamo farci trovare pronti a partire per la nuova stagione invernale”.

“Siamo contenti della proposta della Sviluppo Monte Poieto, anche perché c’era il rischio concreto di una chiusura definitiva – commenta Angelo Bagini, assessore a Carona -. Come amministrazione, rimane il rammarico per non essere riusciti ad acquistare gli impianti, ma siamo pronti ad offrire il nostro sostegno a Dentella che ha dimostrato di credere in questo progetto. Non possiamo aprire un comprensorio a metà – conclude -. Confidiamo anche in un protocollo sanitario che possa consentire l’apertura degli impianti in piena sicurezza”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.