BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Enoteca Gaudes

Informazione Pubblicitaria

Verdicchio, Rosso Piceno e piatti tipici: le bontà delle Marche

Nuova tappa del viaggio alla scoperta dei vini e dei cibi italiani

Più informazioni su

Nuova tappa del viaggio alla scoperta dei vini e dei cibi italiani. Questa volta l’Enoteca Gaudes ci accompagna nelle Marche, un territorio molto variegato, prevalentemente collinare con una piccola parte montuosa.

Il clima è estremamente vario, in funzione della disposizione e dell’altitudine dei rilievi: mediterraneo lungo la costa e continentale all’interno, con escursioni termiche maggiori e maggiore rischio di gelate più ci si avvicina alle montagne. I vitigni coltivati in questa regione sono per il 60% a bacca bianca, soprattutto Verdicchio, una fra le più famose uve autoctone d’Italia, in grado di dare vini complessi e di grande struttura. Sicuramente è l’uva più celebre delle Marche, la protagonista assoluta delle zone dei Castelli di Jesi e di Matelica, a cavallo tra la provincia di Ancona e quella di Macerata. La DOC del Verdicchio dei Castelli di Jesi prevede anche la definizione della zona classica, cioè quella più tipica e tradizionale. Il Verdicchio è un’uva estremamente versatile e oltre alla produzione di vini secchi, è utilizzata anche per vini passiti e spumanti. A seconda dello stile di vinificazione le caratteristiche dei vini ottenuti da quest’uva variano molto, da leggeri e freschi, fino a robusti e strutturati, adatti anche alla maturazione in botte. Altre uve autoctone a bacca bianca sono il Pecorino e la Passerina.

Tra i principali vitigni a bacca nera, invece, spiccano il Montepulciano e il Sangiovese: ad esempio il vitigno Montepulciano è alla base di due dei vini rossi più famosi della regione, il Rosso Conero DOC e il Rosso Piceno DOC. Altra piccola perla di questa regione è la Vernaccia nera di Serrapetrona, prodotta nella provincia di Macerata, con una superficie totale dei vigneti di appena 45 ettari. Anche se di recente riscoperta, è stata la prima nelle Marche a ottenere il riconoscimento della Denominazione d’Origine Controllata e Garantita (DOCG). Questo vino è uno spumante rosso prodotto nelle versioni secca e dolce, utilizzando un sistema piuttosto particolare: dopo la vendemmia, una parte delle uve sono vinificate in rosso, mentre una parte viene lasciata ad appassire in modo da concentrare la quantità di zuccheri. Le uve appassite sono quindi pigiate e il mosto si aggiunge al primo vino, provocando una seconda fermentazione. La spumantizzazione della Vernaccia di Serrapetrona con il metodo Charmat dona al vino la caratteristica spuma rosa e i suoi aromi inconfondibili. Bisogna ricordare anche la Lacrima di Morro d’Alba, un vino rosso molto profumato prodotto con il vitigno Lacrima vicino ad Ancona. È prodotto sia come vino fermo che frizzante e anche in versione passita.

Passando all’aspetto gastronomico il classico pranzo sulla costa marchigiana inizia, solitamente, con il famoso brodetto, una zuppa arricchita da diverse varietà di pesce in base alla ricetta da provare con un calice di Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC. Al brodetto si possono abbinare anche delle gustose frittelle di pesce persico, passate nella pastella e poi fritte in olio d’oliva. Spostandoci verso l’interno, invece, troviamo i tipici antipasti a base di tartufi bianchi o neri, magari accompagnati da profumati e squisiti funghi. Ovviamente bisogna ricordare anche le famose olive all’ascolana, olive ripiene di carne macinata, impanate e fritte. Spostandoci sui secondi piatti, sulla costa troviamo il merluzzo alla marchigiana, con sugo di pomodoro, e le sarde di Ancona, impanate e cotte al forno. Tra i piatti di montagna invece troviamo la minestra di ceci e maiale, da accompagnare con un Rosso Piceno DOC, e le uova fritte nel burro e cosparse di tartufo. Tra i dolci bisogna menzionare le castagnole, palline di pasta dolce fritte in olio e strutto e spolverate di zucchero a velo, e le beccute, pagnottine di pane dolce a base di farina e decorate con pinoli ed uva sultanina, da provare con un calice di Verdicchio passito.

All’Enoteca Gaudes, a Torre de’ Roveri in via Marconi, 1, si possono trovare vini marchigiani per tutti i gusti: per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 0350401452 oppure inviare un’e-mail a info@enotecagaudes.it

Rimani aggiornato sulle sue proposte consultando il sito www.enotecagaudes.it o accedendo alla pagina Facebook Instagram.

 

Nella foto uno scorcio di alcuni vigneti nella provincia di Ancona.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.