Sasso contro il pullman dell'Ajax prima del match con l'Atalanta: rotto un vetro - BergamoNews
Martedì sera

Sasso contro il pullman dell’Ajax prima del match con l’Atalanta: rotto un vetro

Il mezzo danneggiato sarebbe di proprietà di un'azienda bergamasca

C’erano centinaia di tifosi per le strade del centro di Bergamo martedì 27 ottobre, intorno alle 20, per “scortare” i giocatori atalantini verso il Gewiss Stadium.

Il clima di festa, però, è stato rovinato da un piccolo gruppo presente in strada (difficile chiamarli tifosi) che al passaggio del pullman dell’Ajax ha pensato bene di dare il benvenuto ai rivali lanciando contro il mezzo degli oggetti, tra cui un sasso. Un vetro posteriore sulla fiancata sinistra dell’autobus è stato danneggiato.

Tra i giocatori olandesi e i membri dello staff non si sono registrati feriti. Il pullman, superato il gruppo di sostenitori, ha regolarmente raggiunto il Gewiss Stadium.

Il mezzo sarebbe di proprietà di un’azienda bergamasca.

I tifosi bergamaschi in strada, martedì sera

I sostenitori nerazzurri si erano ritrovati nei pressi di Borgo Santa Caterina, appena prima dell’inizio di viale Giulio Cesare, per incoraggiare Gomez e compagni in vista del match Atalanta-Ajax, valido per la seconda giornata di Champions League.

leggi anche
  • Atalanta
    Champions, Zapata candidato come miglior giocatore e per il gol più bello
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it