Quantcast
Ricciardi: "Necessario un lockdown. Vero e mirato" - BergamoNews
L'opinione

Ricciardi: “Necessario un lockdown. Vero e mirato”

Dopo Garattini, Crisanti e Massimo Galli, che ritengono insufficienti le misure del nuovo decreto per rallentare il contagio da Covid, arriva anche il commento più che perplesso di Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all'Università Cattolica del Sacro Cuore e consigliere del ministro della Salute

Dopo Silvio Garattini (leggi), dopo Andrea Crisanti e Massimo Galli, che ritengono insufficienti le misure del nuovo decreto per rallentare il contagio da Covid firmato domenica scorsa dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, arriva anche il commento più che perplesso di Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza.

Dà i numeri il professor Ricciardi. I numeri e le percentuali delle riduzioni del contagio legati alle chiusure dei diversi settori della socialità e della vita quotidiana italiana. E giunge a una conclusione drastica, seppure a tempo limitato: serve un altro lockdown. Vero. E mirato.

Intervenuto al webinar “Oltre l’emergenza” a Veronafiere, il professore spiega che “la via da seguire è quella delineata da una ricerca dell’Università di Edimburgo, pubblicata su Lancet la scorsa settimana: è necessario un altro lockdown”.

Ed eccoli i numeri. Secondo Ricciardi, con la premessa che il lockdowon “non lo devi fare generalizzato, ma dove l’indice di contagio è alto” a chiusura rallenta il contagio del 24%; se lo abbini a una chiusura mirata delle scuole aumenti questa dimensione del 15% e se fai uno smart working obbligatorio sia per il pubblico sia per il privato aumenti ancora del 13%, quindi arrivi a una riduzione del 50-55%. La limitazione dei mezzi pubblici incide per un ulteriore 7% e questi effetti vengono visti dopo 8 giorni”.

“Se noi adottassimo in questo momento, e avremmo dovuto farlo due settimane fa, l’insieme di queste misure, saremmo in grado a Milano, a Napoli, a Roma e in alcune zone del Piemonte e della Liguria, di dimezzare questo indice di contagio. L’indice 2.5 significa che ogni persona ne contagia altre due e mezzo e andando avanti così si ha un raddoppio dei casi ogni due o tre giorni, cosa insostenibile già adesso per i servizi sanitari di quelle aree del Paese, figuriamoci tra una settimana o tra dieci giorni se non si rallenta questo indice”.

L’insieme di lockdown e le altre procedure elencate, spiega Ricciardi, “in otto giorni stabilizzerebbero e farebbero poi calare drasticamente la curva del contagio. Affidarsi alla responsabilità dei singoli cittadini, nella migliore delle ipotesi, porterebbe invece ad una riduzione dei contagi di appena il 3%”

Secondo Ricciardi “in Europa la situazione è fuori controllo perché i governi esitano a prendere le decisioni coraggiose che servono al momento giusto, anticipando il virus e non rincorrendolo”.

Riferendosi alle misure adottate dagli ultimi Dpcm, ha aggiunto: “Il coronavirus non si riesce a contenere: è necessario mitigare, e questo avviene solo con dei lockdown veri, non con queste misure di facciata. Se abbiniamo gli strumenti tecnologici che abbiamo al pensiero razionale possiamo invertire la curva e affrontare un inverno non così drammatico come invece si sta prospettando in Italia con un indice di contagio pari a 2,5 e decine di migliaia di focolai”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Silvio Garattini
Emergenza covid
Garattini: “Le nuove misure del Governo non arrivano al punto giusto”
conte
Emergenza covid-19
Conte firma il nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18, ma aperti la domenica
Generico ottobre 2020
Forza italia
Dpcm e Comuni, Gallone e Fontana: “Da Conte provvedimenti nebulosi che creano caos”
Pagnoncelli alla Luberg
Indagine ipsos
Pagnoncelli: “Il 65% degli italiani più preoccupato per l’aumento dei contagi, il 26% per il peso economico”
Tamponi Coronavirus
Report settimanale
Contagi in crescita esponenziale: salgono, meno, anche a Bergamo
fontana coronavirus
In lombardia
Fontana: “Lockdown? Seguirò i consigli degli scienziati, ma non siamo fuori controllo”
Gallera
La richiesta
“Regione Lombardia fornisca i dati ai sindaci per capire se servono le zone rosse”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI