Orlando, il festival costretto a sospendere la seconda parte: "Sguardo rivolto al futuro" - BergamoNews
La decisione

Orlando, il festival costretto a sospendere la seconda parte: “Sguardo rivolto al futuro”

“Abbiamo resistito e continueremo a farlo, ma cambiano i contesti e quindi cambiano anche i modi di resistere – inizia così la lettera della direzione artistica e tutto lo staff di Festival Orlando -. Prevista e costruita con cura per maggio 2020, questa edizione di Festival Orlando è stata trasformata e ricostruita a causa dell’emergenza sanitaria. Da allora si è arricchita di nuovi modi per essere vicini alle comunità, dal nuovo capitolo online di maggio 2020 (Orlando shorts), ai giorni di agosto carichi di entusiasmo e performance in tutta la città, dalla data nel cortile del Palazzo della Provincia di settembre fino ai laboratori artistici conclusi proprio domenica 25 ottobre. Tutto con cautela, cura estrema, desiderio di recuperare il piacere nelle nostre vite, del riportare attenzione ai corpi, alle relazioni”.

“A novembre avremmo avuto un ulteriore capitolo, di cinema e performance, presentato e comunicato il 20 ottobre e subito dopo rilavorato, con ulteriore sforzo di flessibilità, per permetterne la fruizione nonostante il coprifuoco imposto dalla Regione Lombardia prosegue la lettera -. Ora, nel contesto ulteriormente mutato della chiusura di cinema e teatri nonostante tutte le statistiche li vedessero spazi sicuri, le vie possibili si sono ridotte all’annullamento o allo spostamento online. Consapevoli della complessa situazione sanitaria, delle ferite del nostro territorio e anche delle tante contraddizioni di questo momento storico, crediamo che non sia di nessuna utilità spostarci online, facendo mancare i corpi e la relazione. Scegliamo di sospendere le ultime attività di questa edizione, nell’attesa di poterci incontrare fisicamente negli spazi del cinema e del teatro, mentre continueremo a costruire insieme rivoluzioni sottili”.

“Come scelta di impegno di politica culturale, nonostante la situazione anche per noi non sia per nulla facile, non faremo mancare il nostro sostegno economico a artiste/i e lavoratori/trici previsti/e, nella convinzione che sia fondamentale il supporto al lavoro culturale che si trova in una crisi economica grave come mai prima d’ora. Lo facciamo grazie agli enti partner, Istituzioni e Fondazioni che a loro volta ci supportano, credendo che nella cultura ci sia la chiave della libertà. Con tutto lo staff, con i volontari e le volontarie che erano pronte e pronti ad incontrarvi in Auditorium e negli spazi del Festival, rilanciamo sulla prossima edizione: continueremo a danzare le contraddizioni, lavorando da subito con ancora più creatività e impegno sul futuro. Perché la cultura è necessaria e non solo uno svago; un antidoto insostituibile per il benessere e la coesione sociale. Restiamo aperti a confronti con voi in ogni momento: potete contattarci scrivendo a info@orlandofestival.it o sui nostri canali social. C’è tanta libertà da conquistare”.

I PARTNER DI ORLANDO 2020

Orlando Identità, Relazioni, Possibilità è un progetto di Associazione Culturale Immaginare Orlando APS e Laboratorio 80 realizzato con il sostegno di Comune di Bergamo, con il patrocinio di Provincia di Bergamo, Tavolo Permanente contro l’Omofobia, Università degli Studi di Bergamo.

E con il contributo di Sacbo Spa, Fondazione Cariplo, Provincia di Bergamo, Banca Etica, Fondazione ASM, Fondazione A.J. Zaninoni, Cgil Bergamo, Arci Bergamo, Coop Lombardia, 8×1000 Chiesa Valdese.

Orlando vanta la collaborazione di Festival Danza Estate, Bergamo Film Meeting, Accademia Carrara, Ink Club, Museo delle Storie di Bergamo, Gamec, Lab 80 film, Lazzaretto On Stage, Teatro Prova, Qui e Ora residenza teatrale, Consorzio Solco Città Aperta, Bergamo per i Giovani, HG80 Impresa Sociale, Toilet Club Milano, Onegg s.r.l., Spazio Polaresco, Doc Servizi, Edoné, Toolbox Cgil, #Cartadesign, Officine Tantemani, IFF Integrazione Film Festival.

Media Partner Bergamo News.

Festival partner Gender Bender (Bologna), Sicilia Queer Filmfest (Palermo), Festival MIX (Milano), Some prefer cake (Bologna), BIG – Bari International Gender Film Festiva (Bari), Immaginaria Film Festival (Roma), Florence Queer Festival (Firenze), Sardinia Queer Short Film Festival (Cagliari), What You See Festival (Utrecht, Paesi Bassi), Pink Screens Festival (Bruxelles, Belgio).

Orlando fa parte di Associazione di promozione sociale Educare alle differenze – Rete Nazionale, Coordinamento dei festival italiani di cinema LGBTQI, EFFE Europe for Festivals – Festivals for Europe.

leggi anche
  • Dal 5 all’8 novembre
    Film poliedrici e molteplicità di sguardi, a novembre il secondo atto di Orlando
    Orlando - atto secondo
  • L'iniziativa
    In attesa del II atto del Festival Orlando: due laboratori artistici per mettersi in gioco con creatività
    Orlando laboratori
  • Il festival
    Attraverso il piacere dell’incontro, Orlando rinnova l’alchimia con il pubblico di Bergamo
    Orlando 2020 - estate
  • All’edoné
    ‘Casi umani’ alla riscoperta della propria unicità, il mondo delle drag queen ad Orlando
    Orlando Drag
  • Appuntamenti
    Festival Orlando, sagra del cinghiale e visite a Villa dei Tasso: il week-end in città
    Eventi a Bergamo e provincia
  • Bergamo
    Orlando, applausi per le intense acrobazie della Polka Chinata di Sciarroni
    sciarroni orlando (foto Samanta Cinquini)
  • Bergamo
    Festival Orlando, alla Carrara danza popolare e un laboratorio sull’espressività
    Orlando alla Carrara
  • Bergamo
    La danza come vertigine dell’abbraccio: a Orlando la Polka Chinata di Alessandro Sciarroni
    Polka Chinata di Alessandro Sciarroni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it