Bennet arriva ad Antegnate e riassorbe 80 dipendenti - BergamoNews
Commercio

Bennet arriva ad Antegnate e riassorbe 80 dipendenti

Il modello commerciale e centrale su cui sono stati rimodulati tutti gli esercizi è focalizzato sui prodotti freschi, su una nuova visione distintiva del non alimentare e su una forte integrazione con il digitale

Da lunedì 26 ottobre riaprono al pubblico i due punti vendita ex Auchan di Antegnate e di Monza e l’ex IperSimply di Viale Corsica a Milano. Totalmente rinnovati nell’offerta, ampia e diversificata, i negozi sono finalmente pronti ad accogliere i clienti nello stile tipico dell’insegna nata nei primi Anni Sessanta da una visione di Enzo Ratti.

Bennet ha mantenuto le promesse iniziali confermando i dipendenti di ciascun punto vendita: quasi 80 persone ad Antegnate, quasi 100 a Monza e oltre 40 a Milano. Anche le superfici sono state oggetto di un primo intervento di restyling interno che corrispondesse al concetto tipico di Bennet: per Antegnate si è lavorato su una superficie di 4.950 metri quadrati, a Monza su oltre 5.800 mq, mentre nel punto vendita di Viale Corsica a Milano su 2.250 mq.

Il modello commerciale e centrale su cui sono stati rimodulati tutti gli esercizi è focalizzato sui prodotti freschi, su una nuova visione distintiva del non alimentare e su una forte integrazione con il digitale e l’omnicanalità. Il fresco, punto di forza riconosciuto dell’insegna grazie al know-how specifico nella produzione e nella lavorazione di questi prodotti, si contraddistingue anche nella linea Filiera Valore Bennet, una linea che garantisce al consumatore finale il controllo puntuale e rigoroso dell’intera filiera, dall’origine allo scaffale. Completano l’offerta una vasta gamma di prodotti 100% italiani, biologici – tra cui una linea di prodotti ecologici per la detergenza -, salutistici, vegani e vegetariani a marchio Bennet, a cui si affiancano i diversi reparti macelleria, pescheria.

Sono presenti anche tutti i settori merceologici del non food – casa, cartoleria e giocattoli, elettro, Fai da Te, abbigliamento, mondo Baby – con un assortimento base che verrà di volta in volta fortemente ampliato in funzione delle stagionalità per quanto riguarda i punti vendita di Antegnate e Monza.

I punti vendita, rinnovati secondo lo stile Bennet, si presentano con un lay-out semplice e una distribuzione innovativa degli spazi che garantiscono chiarezza nelle scelte del cliente e velocità durante la spesa. Anche il pricing è allineato alle politiche dell’insegna che privilegia un rapporto qualità/prezzo improntato alla convenienza, a cui si affiancano le forti promozioni che da sempre costituiscono un elemento distintivo dell’Azienda.

I tre punti vendita mettono immediatamente a disposizione dei propri clienti l’attivazione del programma fedeltà Bennet Club: un servizio dedicato ai clienti, ricco di premi, sconti personalizzati e convenzioni speciali, che aiuteranno a risparmiare e a rendere più piacevole la vita di ogni giorno.

Nei tre esercizi saranno disponibili diversi metodi di pagamento: dal mobile payment alle casse self, ossia casse Fai-da-Te automatiche che consentono di fare in autonomia il conto dei prodotti selezionati per poi pagarli in contanti o carte di credito. Ad Antegnate alle 9 casse fast/self se ne aggiungono altre 13 tradizionali, a Monza le 12 casse fast/self sono affiancate da altrettante casse tradizionali e a Milano in Viale Corsica sono presenti 8 casse fast/self e 9 tradizionali, con l’obiettivo di soddisfare le necessità di ogni tipologia di cliente.

Nei prossimi mesi sono previste una serie di operazioni di remodeling che porteranno a pieno regime i tre punti vendita entro la fine dell’anno, con l’attivazione di servizi per la clientela basati sull’integrazione con il digitale e l’omnicanalità, parte fondamentale del modello di business dell’Azienda.

BENNET, LA STORIA DEL MARCHIO

Bennet nasce nei primi anni 60 da una visione di Enzo Ratti. Da allora la sua espansione è stata continua, trasformandola nel corso degli ultimi 55 anni in leader nel mercato degli ipermercati e dei centri commerciali, con sedi in tutto il Nord Italia.
Bennet, con le ultime acquisizioni conterà 73 ipermercati e superstore e 43 punti di ritiro Bennetdrive attivi, con una superficie di vendita complessiva di oltre mq. 350.000, circa 8.000 dipendenti e 50 gallerie commerciali di proprietà con oltre 1.250 negozi al proprio interno.
La competenza, l’esperienza e la professionalità hanno permesso a Bennet di essere sempre all’avanguardia e di anticipare i bisogni dei clienti in modo da garantire un’offerta sempre migliore nel rapporto qualità-prezzo, nell’ampiezza dell’assortimento e nel servizio.
Attraverso una politica commerciale al passo con i tempi, programmi di espansione mirati e la creazione di un’immagine e di uno stile inconfondibili Bennet è riuscita a conquistare e mantenere sempre una leadership di mercato nelle aree in cui opera.

leggi anche
  • L'acquisizione
    L’Auchan di Antegnate diventa Bennet: riconfermati tutti gli 82 dipendenti
    bennet
  • L'emergenza covid
    Giuliana: “Ho riaperto la trattoria l’altro giorno, ma così chiudo un’altra volta”
    Giuliana
  • Chiusura alle 18
    I ristoratori di Città Alta: “Già in ginocchio, questo è un colpo mortale per molti”
    Botteghe dopo il lockdown
  • Il bergamasco
    Chef Cerea: “Dpcm, chiusura inaccettabile: come si pagano le tasse?”
    Cerea
  • Consiglio camerale
    La Camera di Commercio guarda al futuro delle infrastrutture: “Siano sostenibili”
    aeroporto
  • La protesta
    Poste a singhiozzo nelle valli, “Covid foglia di fico per non assumere”
    Poste Italiane
  • Assofioristi
    Col nuovo Dpcm addio a feste e cerimonie, i fioristi: “Altro duro colpo al settore”
    fiori nozze to by mariana acevedo on Unsplash
  • Bar savoy
    “Il nuovo Dpcm? Sette ore in meno di lavoro al giorno, ma le spese restano”
    bar savoy
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it