Quantcast
"La chiusura alle 18 è la fine della ristorazione, servono subito aiuti" - BergamoNews
Confersercenti bergamo

“La chiusura alle 18 è la fine della ristorazione, servono subito aiuti”

Antonio Terzi: "Chiediamo a Governo e Regione importanti e immediate risorse". Agli esercenti appello al senso di responsabilità

“Un impatto gravissimo sulle attività di ristorazione, bar, pubblici esercizi e più in generale sul mondo del commercio e del terziario”. Antonio Terzi, presidente di Confesercenti Bergamo, commenta così le limitazioni contenute nell’ultimo Dpcm varato dal Governo, con inevitabli ricadute per palestre, piscine, centri benessere, sale giochi e tutta la filiera degli eventi delle cerimonie dello spettacolo.

“Quando si dice che in questa fase è prioritario salvaguardare l’economia e la scuola noi siamo d’accordo, ma poi francamente non comprendiamo l’accanimento sull’industria del turismo e del commercio, come se fossero componenti estranee al mondo del lavoro e delle imprese – prosegue Terzi -. La chiusura alle 18 decreta la fine della ristorazione. Questo mondo non può pagare da solo i costi sociali di questa terribile situazione, delle incertezze e dei ritardi di chi ci governa”. Per questo “chiediamo al Governo e alla Regione importanti e immediate risorse economiche a ristoro degli imprenditori. Non ci sono alternative, non c’è tempo da perdere”.

Poi un appello agli esercenti. “A tutti loro – conclude – chiedo in ogni caso ed anche in questi frangenti di fare ricorso a tutto quel senso di responsabilità e pragmatismo dimostrato negli scorsi mesi e nel corso del precedente lockdown”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Dati Regione
I dati di domenica 25 ottobre
Contagi in Lombardia, superata quota 5mila: a Bergamo ben 182 nuovi positivi
Giuseppe Conte Dpcm
L’annuncio del dpcm
Conte: “Molti dovranno fare sacrifici, ma già stanziati aiuti per le categorie più colpite”
conte
Emergenza covid-19
Conte firma il nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18, ma aperti la domenica
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI