Quantcast
Nuova casa per il progetto Dire Fare Abitare - BergamoNews
Bergamo

Nuova casa per il progetto Dire Fare Abitare

In via Serassi, ospiti e volontari protagonisti insieme del percorso di inserimento sociale

Presentata sabato 24 ottobre in via Serassi 17, la nuova casa di Dire Fare Abitare, un progetto attivo sul territorio con oltre dieci anni di operatività continuativa.

Nato nel 2009 da una proposta raccolta allora dall’Opera Bonomelli quale ente capofila e soggetto gestore del progetto, ha perseguito dal principio due obiettivi:
– offrire una risposta alloggiativa temporanea per soggetti in situazione di disagio abitativo a seguito di un evento di crisi (relazionale, economica, familiare, ecc.).
– stimolare una riflessione intorno al tema dell’abitare

Il progetto si è sviluppato negli anni attraverso la gestione di due appartamenti collocati uno nel quartiere di Longuelo, di proprietà della parrocchia, l’altro in Città Alta di proprietà del Comune di Bergamo oggi sostituito da questo in via Serassi. La sua peculiarità è la compresenza/convivenza in ciascuno degli alloggi di volontari e ospiti. Questo elemento rappresenta ancora oggi un punto fondamentale sia sul versante della risposta al bisogno alloggiativo di persone in situazione di fragilità, sia sul versante più culturale intorno al tema dell’abitare collaborativo e solidale.

casa Dire fare Abitare

Rispetto all’accoglienza degli ospiti, le situazioni di difficoltà sono di vario genere e hanno livelli differenti di complessità:
– problematiche familiari connesse alla separazione dal coniuge associate a precarietà lavorativa ed economica
– problematiche relazionali all’interno del nucleo familiare di origine per soggetti giovani, con conseguente allontanamento/espulsione dallo stesso
– perdita di lavoro e assenza di rete di supporto
– conclusione di percorsi assistenziali/terapeutici che non hanno consentito di raggiungere l’autonomia abitativa
– autonomizzazione di soggetti con biografie complesse (adozioni, malattia psichica)
– precarietà lavorativa o insufficiente reddito

casa Dire fare Abitare

Rispetto alla partecipazione dei volontari, significativa è la collaborazione con il Centro Servizi Bottega del Volontariato che ha consentito negli anni di impostare e portare avanti un lavoro di supporto e formazione dei volontari coinvolti nell’esperienza, oltre che una compartecipazione nel loro reperimento che prevede colloqui individuali con il tutor, un percorso formativo di preparazione all’esperienza, oltre che un’attività di tutoraggio periodica nel periodo successivo.

“Sono molto contenta di inaugurare questa sede di proprietà comunale che oggi viene destinata ad un progetto in cui credo molto, l’housing sociale, che si rivela di grande importanza per la gestione dell’area della fragilità – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Bergamo Marcella Messina –. Il valore di quest’esperienza è nell’intreccio di biografie di vita che nella convivenza costituiscono cittadinanza: da una parte le persone protagoniste dell’esperienza riabilitativa, uomini e donne finalmente al centro di un percorso di relazioni e di vita protetta ma, contemporaneamente, autonoma e reale; dall’altra i volontari, studenti e lavoratori spesso impegnati in esperienze di associazionismo, che testimoniano il significato “esistenziale” di un progetto che diviene spesso rivelatore e risolutivo delle scelte di vita personali e professionali a seguire”.

casa Dire fare Abitare

“Ringrazio, infine, la collega Assessora al Verde Marzia Marchesi, i suoi uffici e Orobica Ambiente che si sono adoperati per rendere il giardino di questa casa un luogo accogliente e fruibile” aggiunge l’Assessore Messina.

“L’inaugurazione di oggi rappresenta la concretizzazione e la continuità di un progetto che è partito dodici anni fa in modo sperimentale facendo da precursore di tutta una serie di prospettive e di risposte alla fragilità ora consolidate – afferma Giacomo Invernizzi, Direttore Opera Bonomelli –.  Oggi il tema dell’housing, della cittadinanza attiva e di queste nuove forme di volontariato, che non sono strettamente legate all’esperienza dell’associazionismo ma intercettano un’esigenza individuale sempre più emergente, rappresenta una strada virtuosa e proficua di accoglienza e di integrazione sociale”.

casa Dire fare Abitare

“Per fare in modo che la città sia una comunità è necessario che qualcuno ci provi – sostiene don Massimo Maffioletti, Vicario Città di Bergamo –. La comunità è il vero antidoto contro gli individualismi, contro lo scisma tra l’’Io’ e il ‘noi’, contro la difesa dell’interesse dei singoli e per la difesa del bene di tutti. La situazione attuale, che ci impone di dare il primato all’immunità, richiede di riproporre con forza l’idea di comunità che è sentire la responsabilità della collettività sulle spalle di tutti. E questa inaugurazione di oggi è un esempio concreto di comunità che si realizza”. 

“Il CSV realizza delle azioni accompagnamento, aiutiamo le persone ad esprimere, rivelare ciò che hanno già dentro. In un momento in cui le relazioni umane sono molto difficili, – conclude Brunella Conca del Centro di Servizio per il Volontariato di Bergamoprogetti come questo dimostrano che in realtà esistono ancora e che siamo uomini se riflettiamo il nostro sguardo nell’altro”. 

Nell’alloggio inaugurato oggi vivono tre ospiti, dai 20 a i 30 anni che stanno intraprendendo un percorso di inserimento in attività lavorative e formative, e due volontari. Il tempo medio di permanenza delle persone accolte è di circa un anno.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Forme 2020
L'evento
Forme 2020 all’insegna della creatività, a partire dal logo
ospedale fenaroli di alzano
Asst bergamo est
Inchiesta sull’ospedale di Alzano, Locati: “Certo della correttezza del mio operato”
Carabinieri notte
Nella notte
Covid 19, al coprifuoco controllati 37 esercizi commerciali: nessuna sanzione
ranica ingresso cimitero
La sofferenza e la speranza
Ranica, concorso per un monumento in ricordo delle vittime del Covid
Atalanta-Sampdoria
Oggi in campo
Arriva la Samp, Atalanta pronta a tornare a correre anche in campionato
Generico ottobre 2020
Questa notte
Coprifuoco Covid, disordini a Napoli. Fsp Polizia: “Agguati contro le forze dell’ordine”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI