Quantcast
Sorisole, un positivo al Patronato: "Stop a ingressi e uscite, per precauzione" - BergamoNews
Covid-19

Sorisole, un positivo al Patronato: “Stop a ingressi e uscite, per precauzione”

Un 50enne ricoverato alla Gavazzeni, in quarantena i contatti più stretti

Un ospite del Patronato San Vincenzo di Sorisole è risultato positivo al Covid-19. Per questo motivo, “a scopo preventivo e precauzionale – spiega il direttore don Dario Acquaroli – abbiamo deciso di vietare temporaneamente gli ingressi e le uscite dalla struttura, mentre i contatti più stretti della persona sono stati individuati e messi in quarantena”.

L’uomo che ha contratto il virus è un cinquantenne senza fissa dimora che passa le notti in comunità. Attualmente è ricoverato all’ospedale Gavazzeni di Bergamo. Alcuni dei suoi contatti più stretti sono in quarantena all’interno della struttura: “Due persone, entrambe asintomatiche” fa sapere don Dario. Una ventina in totale, invece, i contatti individuati dall’Ats.

Nella casa del Patronato a Sorisole trovano riparo e assistenza all’incirca 80 persone, una ventina minorenni. “La situazione è sotto controllo – assicurano -. Con Ats sono stati attivati tutti i protocolli del caso, quel che chiediamo adesso è uno sforzo preventivo, nell’ottica di garantire la sicurezza a tutti”.

leggi anche
Generico ottobre 2020
I dati
In Lombardia altri 4.125 positivi, 129 a Bergamo: riaprono gli ospedali nelle fiere
Generico ottobre 2020
Le indicazioni
Covid, come leggere l’esito del tampone senza avere le credenziali
tampone coronavirus covid
I numeri
Covid, in Italia 16.079 nuovi casi con oltre 170mila tamponi: 136 i morti
alzano
Il blitz a palazzo lombardia
Inchiesta Alzano e Zona Rossa, acquisizioni a carico di funzionari regionali
Coronavirus
La panoramica
Salgono i ricoverati Covid: gli ospedali bergamaschi preparano nuovi posti letto
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it