Quantcast
Scuole, Fontana ad Azzolina: "Qui servono misure stringenti, può sempre impugnarle" - BergamoNews
Lombardia

Scuole, Fontana ad Azzolina: “Qui servono misure stringenti, può sempre impugnarle”

E annuncia che sta provvedendo a inviare al ministro una lettera di risposta formale con i dati utili a una corretta lettura della situazione di quanto sta accadendo a livello sanitario in Lombardia

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, risponde alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina che aveva criticato (insieme ai sindaci lombardi) la decisione di chiudere le lezioni in presenza nelle scuole superiori (leggi): “Visti e considerati i dati relativi alla curva epidemiologica della Lombardia, correlati alla situazione del sistema del trasporto pubblico locale, con particolare riferimento ai giovani che frequentano le scuole secondarie, ribadiamo essere necessarie decisioni stringenti. Fermo restando che se il ministro reputa eccessivi e non idonei i nostri provvedimenti può impugnarli”.

Fontana annuncia che sta provvedendo a inviare al ministro una lettera di risposta formale con i dati utili a una corretta lettura della situazione di quanto sta accadendo a livello sanitario in Lombardia. “È giusto sottolineare – conclude Fontana – che da mesi Regione Lombardia ha posto al centro dell’attenzione del Governo quanto grandi siano le difficoltà nel settore trasporto pubblico. Istanze che erano rimaste e continuano a rimanere inascoltate”.

leggi anche
Attilio Fontana a Bergamo
Cerchi altre soluzioni
I sindaci e la ministra Azzolina a Fontana: “No alla chiusura delle scuole superiori”
fontana gori coronavirus
Bergamo
Gori: le telefonate con l’invito a non uscire e l’incontro con Fontana sulle scuole chiuse
Bergamo riparte dopo il lockdown
Tutte le info
Lombardia, tutte le limitazioni: coprifuoco, scuole e centri commerciali
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it