BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Emergenza Covid, in Belgio: “Liegi rischia di diventare la nuova Bergamo”

Con il numero dei contagi in forte aumento, il quotidiano fiammingo De Standaard fa un parallelismo con quanto accadeva da noi in primavera.

Più informazioni su

Quello descritto dal quotidiano fiammingo De Standaard è uno scenario che assomiglia molto alla situazione che Bergamo ha vissuto in primavera: pazienti Covid che da Liegi vengono trasportati fuori provincia, perché gli ospedali della città non possono più far fronte all’afflusso.

E non è un caso che l’accostamento fatto in un articolo a firma Wouter Woussen sia proprio con la nostra città, per mesi al centro delle cronache di tutto il mondo per la crisi sanitaria che l’aveva attanagliata: “Liegi sembra in procinto di diventare la nuova Bergamo – si legge – In primavera, quando il Coronavirus ha iniziato a imperversare in Europa, l’area intorno a quella città del Nord Italia è stata così gravemente colpita che gli ospedali non hanno potuto curare tutti i pazienti e anche le pompe funebri non riuscivano a tenere il passo col lavoro”.

Una situazione che già all’epoca era stata presa come esempio per mettere in guardia i cittadini di quei territori che allora erano toccati solo marginalmente dal problema: ora, invece, i dati iniziano a farsi allarmanti e la mente corre a quanto stava accadendo 6-7 mesi fa in Bergamasca.

I numeri a Liegi, città da quasi 200mila abitanti, sono aumentati di colpo nel mesi di ottobre: 2.800 nuovi casi in due settimane, 200 solo mercoledì 21.

Secondo Geert Molenberghs, biostatistico dell’Università Hasselt e KU Leuven, il pericolo è che la situazione “possa sfuggirci di mano, come era allora a Bergamo. Possibilità che aumenta di giorno in giorno”.

Il timore espresso dal quotidiano belga è quello che i contagi aumentino in modo così incontrollato da mettere alle strette medici di base e ospedali, che a quel punto “difficilmente potrebbero affrontare adeguatamente le infezioni e seguire i malati di altre patologie”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.