Covid, "ammalato guardando i Tg": bufera sul post del ct Mancini - BergamoNews
Su instagram

Covid, “ammalato guardando i Tg”: bufera sul post del ct Mancini

La frase è stata postata sulle storie di Instagram dal tecnico della Nazionale, che poi si è scusato

“Hai idea di come ti sei ammalato? Guardando i tg…”. La frase accompagna la vignetta con un paziente in un letto d’ospedale che risponde così alla domanda su come si è contagiato ed è stata postata sulle storie di Instagram dal ct della Nazionale, Roberto Mancini.

Scatenando la polemica sui social tanto da diventare presto trend topic su Twitter. In molti hanno attaccato l’allenatore azzurro, bocciando il post come un’uscita quanto meno infelice, e un assist ai negazionisti in tema di coronavirus. “Grazie #Mancini per contribuire a diffondere l’ignoranza su #Covid-19”, scrive un utente su twitter.

Altri hanno ritenuto discutibile il messaggio a fronte di una nuova ondata di contagi e di vittime, arrivando anche a chiedere le dimissioni del tecnico dal suo ruolo di ct degli Azzurri: “Vada a spiegarlo ai familiari delle vittime di COVID-19, che forse hanno guardato troppa tv”.

Tra le tante ci sono anche alcune prese di posizione a favore, tra chi approva la vignetta e chi ritiene che oggetto della ‘critica’ siano i mass media che alimentano la paura e non certo le vittime della pandemia.

Ma poi arrivano le scuse di Mancini: “Ho soltanto condiviso una vignetta che mi è sembrata sdrammatizzare un momento così complicato. Tutto qui. Non c’era alcun messaggio sottinteso e nessuna intenzione di mancare di rispetto ai malati e alle vittime di covid-19, se così fosse me ne scuso”, ha detto il ct.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it