Rientro a scuola in sicurezza: il video con le istruzioni per gli studenti - BergamoNews
Su youtube

Rientro a scuola in sicurezza: il video con le istruzioni per gli studenti

Ats Bergamo ha realizzato, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, un filmato per le scuole che attraverso immagini accattivanti e coinvolgenti riassume semplici regole

La lotta al coronavirus passa anche e soprattutto dalla prevenzione. In quest’ottica l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo ha realizzato, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, un video dal titolo “Rientro a scuola in sicurezza”, ideato e prodotto appositamente per le scuole, disponibile sul canale You Tube di ATS Bergamo a questo link e sulla pagina istituzionale dell’UST.

“Il progetto “Rientro a scuola in sicurezza” rappresenta una delle numerose azioni condivise fra l’Ufficio Scolastico Territoriale e l’Agenzia di Tutela della Salute per far arrivare a tutti gli istituti bergamaschi e, per il loro tramite, agli studenti e alle studentesse, un messaggio molto chiaro sui comportamenti responsabili da tenere per prevenire l’infezione e rallentare la diffusione del virus – sottolinea Patrizia Graziani, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo – .

Il video, in particolare, attraverso immagini accattivanti e coinvolgenti, riassume semplici regole che riguardano il distanziamento fra le persone, l’evitare assembramenti e contatti fisici con i
compagni, l’utilizzo della mascherina per la protezione del naso e della bocca, il lavaggio delle mani, l’uso del gel idroalcolico.

Viene raccomandata l’importanza di restare a casa e parlare ai genitori se non ci si sente bene e si avvertono sintomi da infezioni respiratorie acute, febbre, tosse, raffreddore. Davvero è fondamentale la collaborazione di tutti, perché solo insieme possiamo proteggerci”.

“Come Agenzia di Tutela della Salute siamo da sempre impegnati sul fronte della prevenzione: un’attività ancora più importante con la pandemia in corso. I dati delle ultime settimane evidenziano come il contagio avvenga sempre più in famiglia: per questo tramite la scuola ci rivolgiamo ai più giovani per tutelare i più “grandi” – aggiunge Massimo Giupponi, direttore generale di ATS Bergamo – Questa volta abbiamo scelto il linguaggio del video, realizzato internamente dal nostro ufficio comunicazione, per arrivare direttamente ai ragazzi, alle ragazze e alle loro famiglie.

Il video è anche in circolazione su Whatsapp grazie alle numerose reti attive sul territorio. Contiamo quindi che passi di cellulare in cellulare per raggiungere quante più persone possibile”.

Più informazioni
leggi anche
  • Coronavirus
    A Bergamo e in provincia 16 classi in isolamento: sono 72 i contagiati a scuola
    Studente Coronavirus
  • L'appello
    La Regione al Governo: “Ingressi a scuola più scaglionati per alleggerire i trasporti”
    polizia locale bus
  • L'intervista
    La scuola un mese dopo la ripresa: “I bimbi, i migliori a rispettare le regole”
    Loredana Poli scuola
  • L’ordinanza regionale
    La sorpresa dello stop alle lezioni in classe per le superiori
    aula vuota classe (foto Ivan Aleksic da Unsplash)
  • Da stasera
    Al via il coprifuoco notturno, l’appello del Prefetto: “Bergamaschi, siate responsabili”
    controlli prefetto carabinieri
  • Scuole superiori
    Docenti in aula e studenti a casa: la nuova didattica a distanza
    smartwork Photo by Parker Byrd on Unsplash
  • Emergenza covid
    Scuole, nell’ultima settimana 3472 tamponi e 253 positivi: altre 20 classi in quarantena
    scuola
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it