BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Professional by Fama: “Innovazione dei prodotti per ampliare il business oltre confine”

L’azienda di Pedrengo specializzata nei prodotti per capelli è stata recentemente acquisita da due manager bergamaschi, Simone Cavalli e Mauro Appiani, che, nonostante l’emergenza COVID, hanno confermato il piano di sviluppo quinquennale che fa leva sull’ampliamento del business oltre confine e innovazione di prodotto.

Professional by Fama è un’azienda italiana che formula, produce e distribuisce prodotti professionali per capelli in oltre 40 Paesi del mondo. Fondata negli anni Ottanta da Stefano Fadda e Dario Capillupo, ha visto passare di recente la maggioranza del proprio capitale a due manager bergamaschi, Simone Cavalli e Mauro Appiani, attraverso un’operazione di leverage by out.

Quest’ultima si inserisce in un settore, come quello cosmetico, caratterizzato da un’effervescente attività di M&A, resa possibile, evidenziano Cavalli e Appiani, “dalla volontà dei due soci fondatori, ai quali saremo sempre grati, che hanno creduto in noi per la crescita futura dell’azienda e dalla struttura utilizzata per finanziare il deal, atipica per le dimensioni dell’azienda target”. Questo tipo di operazione è infatti piuttosto rara per il mercato Italia: da una parte, gli acquirenti non sono società di private equity o multinazionali, dall’altro, la società cedente non è un’azienda di grandi dimensioni, ma una Pmi del settore beauty.

Nonostante un 2020 molto complesso a causa della pandemia globale, il management aziendale non ha smesso di progettare il futuro ed è pronto a scrivere nuovi capitoli della storia del Brand, guidato dalla consapevolezza che le industrie italiane rappresentino il motore della crescita e dello sviluppo economico del nostro Paese. L’obiettivo resta quello di far crescere l’azienda in termini di ricerca delle soluzioni tecnologiche più avanzate, per cogliere le opportunità legate alla quarta rivoluzione industriale con un piano d’investimenti in grado di favorire la digitalizzazione dei processi produttivi per aumentare la competitività internazionale. Il bacino internazionale rappresenta oltre il 70% del giro d’affari del gruppo e l’obiettivo è incrementare ulteriormente questa quota.

Per questo motivo, all’inizio del nuovo anno è stata costituita la prima filiale estera PBF negli Stati Uniti, principale mercato di riferimento per i cosmetici professionali.
In parallelo, il management ha intrapreso numerose azioni volte a rafforzare la posizione del brand nell’Unione europea, dove ancora ci sono grandi opportunità. In particolare, oltre all’Italia (dove il gruppo punta a un consolidamento qualitativo dell’attività), i mercati chiave includono anche Germania, Spagna, Uk e Benelux, dove l’intenzione futura è rafforzare la presenza con filiali dirette. Lo sguardo è inoltre rivolto ai mercati asiatici dove c’è la volontà di consolidare la crescita facendo leva sul networking e sull’esperienza pluriennale di consulenza dei nuovi soci.

Una parte centrale nei progetti di sviluppo del brand è racchiuso nel piano strategico quinquennale definito in seguito a un’attenta analisi del mercato, dalle caratteristiche aziendali e dalla peculiarità della rete distributiva. Una delle prime azioni messe in campo dal nuovo management inquadra l’identificazione di una nuova unique selling proposition (”il Brand del colorista”) basata non solo sull’unicità del prodotto, ma fortemente incentrata su pilastri come: un capillare piano formativo altamente specializzante, una chiara e distintiva identità d’immagine e una innovativa visione orientata al supporto del sell-out.

La strategia identificata si è immediatamente rivelata vincente permettendo all’azienda, nonostante le complessità legate all’emergenza Covid, di garantire ai dipendenti una solida stabilità e di continuare il percorso di crescita intrapreso. Nell’ottica di mantenere vicinanza e sostenere proattivamente il network di professionisti che costellano il brand durante tutto il periodo di pandemia, la direzione tecnica di Professional by Fama ha erogato seminari on line e formazione quotidiana gratuita in Italia, come all’estero, nella speranza di agevolare la ripresa operativa dei Saloni PBF.
Un punto di forza dell’azienda è proprio la rete capillare di saloni partner del brand: “Crediamo molto nella formazione e nel nostro mondo educational”, sottolineano i due nuovi soci. Motivo per cui, concludono, “cerchiamo di arrivare sempre più a contatto con i nostri clienti nei diversi territori dove operiamo o vogliamo operare, attraverso una presenza diretta in eventi formativi di rilievo, organizzati nella nostra Accademia o nei poli di riferimento presenti nei rispettivi paesi di origine”.

Innovazione costante di prodotto, maggiore efficienza produttiva, sviluppo dei mercati internazionali, ma anche responsabilità green: il modello di business di Professional by Fama concilia gli obiettivi imprenditoriali dell’azienda con quelli ambientali, puntando a ridurre l’impatto legato alla propria attività attraverso un uso corretto e responsabile delle risorse disponibili. La strategia di razionalizzazione dei processi produttivi e di contenimento dei consumi energetici si snoda tra l’adesione al progetto Impatto Zero di LifeGate, che calcola, riduce e compensa le emissioni di anidride carbonica attraverso progetti di riforestazione in determinate aree (Italia, Costa Rica, Madagascar), un avanguardistico impianto di depurazione delle acque, ma soprattutto nella scelta di utilizzare solo packaging riciclabili e spesso anche riciclati. In questo filone si inquadra il prossimo lancio della campagna #PBF0impact per mostrare al consumatore le attività quotidiane concrete e tangibili portate avanti dal brand in ottica green.

In risposta a consumatori sempre più attenti alla salute dell’ambiente, è nato l’anno scorso un brand alter-ego dall’identità totalmente green, che poggia su uno sviluppo completamente sostenibile. Il mondo vegetale è il motore creativo da cui si originano le formulazioni Vegan di questa label emergente (Bulbs and Roots) che garantisce performance di prodotto elevate nel totale rispetto dell’ambiente.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.