Quantcast
Coprifuoco in Lombardia: verso la firma dell'ordinanza - BergamoNews
Giovedì il via

Coprifuoco in Lombardia: verso la firma dell’ordinanza

A quanto apprende l'agenzia Agi da fonti di Palazzo Lombardia, infatti, l'ordinanza uscirà nonostante il duro confronto tra Salvini e Fontana

Nonostante le perplessità del leader della Lega che aveva annunciato di volerci “vederci chiaro” nell’ordinanza che stabilisce il coprifuoco e le chiusure dei centri commerciali lombardi (tranne gli spazi alimentari) nei fine settimana, il presidente della Regione Attilio Fontana fa sapere che entro la serata di mercoledì le nuove misure verranno emanate. A quanto apprende l’agenzia Agi da fonti di Palazzo Lombardia, infatti, l’ordinanza uscirà nonostante il duro confronto tra Salvini e Fontana (leggi).

La Regione avrebbe lavorato fino a ieri sera tardi con il ministro della Salute Roberto Speranza per la parte di competenza ministeriale. Poi c’è la parte dell’ordinanza relativa alle competenze del presidente del Purellone Fontana: non si poteva chiudere ieri sera, a quanto si apprende, perché bisognava sentire tutti i sindaci dei Comuni capoluogo e l’Anci.

Il coprifuoco alle 23 dorebbe quindi scattare domani, giovedì 22 ottobre fino alle 5 del mattino successivo.

leggi anche
Salvini Fontana
Politica & covid
L’ordinanza sul coprifuoco in Lombardia non arriva: si aspetta Salvini
giorgio gori
Il richiamo del sindaco
Gori: “Coprifuoco e non solo perché la situazione è grave. Rispettate le regole!”
Attilio Fontana a Bergamo
Da giovedì
La proposta della Regione, in Lombardia stop ad attività e spostamenti dalle 23 alle 5: ok del Governo
Oscar Fusini
La reazione
Nuova stretta della Regione, Fusini (Ascom): “Non può pagare tutta la Lombardia per Milano”
Attilio Fontana a Bergamo
Dalle 23 di giovedì
Coprifuoco da giovedì: ecco l’ordinanza della Lombardia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it