BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Reddito di cittadinanza, impennata col Covid: a Bergamo sostiene 19mila persone

Nella nostra provincia sono 8.403 i nuclei percettori da aprile 2019 a oggi: rispetto a febbraio in Italia viene erogato a 300mila famiglie in più.

Da febbraio a settembre in Italia è cresciuta del 25% l'erogazione del Reddito o della Pensione di Cittadinanza, con i nuclei familiari percettori passati in sette mesi da 938mila a oltre 1.234.000. 

Nel report trimestrale effettuale dall'Inps si nota, una volta di più, l'impatto che l'emergenza sanitaria ha avuto sull'economia delle famiglie italiane che hanno cercato nei sostegni offerti dallo Stato un appiglio per superare la crisi.

L'incremento maggiore si è registrato nei nuclei compisti da un solo componente (+31%), mentre 376mila nuclei hanno già ricevuto il pagamento della diciottesima mensilità del Reddito di Cittadinanza concludendo il primo ciclo del sostegno: dopo la sospensione di un mese, potranno tornare a presentare una nuova domanda per il rinnovo.

Al 6 ottobre sono stati quasi 2,2 milioni i nuclei familiari che hanno presentato una domanda di Reddito di Cittadinanza all’Inps: 1,5 milioni (69%) sono state accolte, 129mila (6%) sono in lavorazione e 552mila (25%) sono state respinte o cancellate.

Sud e Isole, con 1,2 milioni di nuclei, totalizzano il 55% delle domande pervenute, seguiti dal Nord, con 609mila nuclei (28%) e Centro, con 361mila (17%).

Quanto alla cittadinanza del richiedente la prestazione, nell’87% dei casi risulta erogata ad un italiano, nel 7% ad un cittadino extra-comunitario in possesso di un permesso di soggiorno, nel 5% ad un cittadino europeo ed infine nell’1% a familiari di tutti i casi precedenti.

Varia di molto, in base al numero di componenti, l'importo medio dell'assegno: dai 414 euro per i nuclei monocomponenti ai 676 euro per  quelli con cinque componenti.

Il 35% dei beneficiari (468mila) è rappresentato da nuclei familiari con minori. I nuclei con disabili sono invece il 19% (247mila).

Di 3,1 milioni di persone che beneficiano del sostegno, 813 mila sono minorenni.

In provincia di Bergamo sono 8.403 i nuclei percettori di reddito o pensione di cittadinanza, al netto dei decaduti dal diritto: complessivamente da aprile 2019 a settembre 2020 ne hanno beneficiato 18.761 persone, con un importo medio erogato di 443,61 euro.

La mappa mostra la diffusione del sostegno a livello provinciale: il colore azzurro si fa sempre più intenso in base quante persone ogni mille abitanti hanno beneficiato del Reddito di Cittadinanza.

Non solo reddito di cittadinanza, però.

Con il cosiddetto decreto Rilancio a maggio il Governo ha istituito il Reddito di Emergenza, una misura di sostegno economico in favore di nuclei familiari in difficoltà a causa dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Lo si poteva ottenere per un massimo di due mensilità dal mese di presentazione della domanda e dava diritto ad assegni non superiori agli 800 euro.

Al 31 luglio, deadline per la presentazione delle domande, erano arrivate 600mila richieste, il 48% delle quali (290mila) sono state accolte: ne hanno potuto così beneficiare 698mila persone, con un importo medio di 557,70 euro.

Domande arrivate per il 46% da Sud e Isole, 34% dal Nord e 20% dal Centro. La percentuale più alta di percettori in Campania (17,1%, assegno medio da oltre 600 euro), seguita da Sicilia e Lazio.

In Lombardia sono state presentate 84.038 domande, 28.830 delle quali sono state accolte: rappresenta il 9,9% del totale italiano ed è la quota di netto più alta di tutto il Nord (a seguire il Piemonte con 14.679 domande accolte, pari al 5,1%).

Il 22% dei nuclei, infine, hanno un richiedente extra-comunitario.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.