I centri commerciali alla Regione Lombardia: "Non rimetteteci in ginocchio" - BergamoNews
L'appello

I centri commerciali alla Regione Lombardia: “Non rimetteteci in ginocchio”

Roberto Zoia: "Preoccupati da una nuova chiusura dei centri commerciali in Lombardia durante i weekend, che rappresentano il maggior introito - ossia circa il 20-30% del fatturato settimanale"

Roberto Zoia, Presidente del Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali, rivolge un appello dopo aver appreso delle misure richieste dalla Regione Lombardia per contenere i contagi (leggi): “Abbiamo appreso in queste ore di un’ipotesi di Ordinanza della Regione Lombardia per la chiusura il sabato e la domenica degli spazi della media e grande distribuzione, tra cui i centri commerciali. Vogliamo ribadire con forza che la sicurezza è sempre stata al primo posto nelle nostre strutture, fin dall’inizio del lockdown nel corso del quale abbiamo comunque garantito agli italiani i servizi di prima necessità, applicando da subito protocolli di sicurezza rigorosissimi. Quando poi i centri commerciali hanno riaperto tutte le attività, abbiamo ampliato le misure già implementate per tutelare al massimo la salute dei lavoratori, dei commercianti, dei fornitori e dei clienti. Da maggio ad oggi, si è iniziato ad intravedere qualche segnale incoraggiante di ripresa, risultato di sforzi immensi fatti dall’intero settore. Una nuova chiusura dei centri commerciali in Lombardia durante i weekend, che rappresentano il maggior introito – ossia circa il 20-30% del fatturato settimanale – e vedono il maggior livello di occupati, rischierebbe di porre un brusco freno a questo graduale percorso di recupero e mettere definitivamente in ginocchio un numero importante di attività commerciali in affanno ormai da mesi, generando una situazione drammatica dal punto di vista occupazionale. Si tratta di una proposta che ci preoccupa enormemente, considerato che proprio la Lombardia rappresenta almeno il 20% dei circa 140 miliardi di euro di fatturato che l’intero settore dei centri commerciali, incluso l’indotto, realizza annualmente nel territorio nazionale con 783.000 posti di lavoro”.

Il Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali

Il Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali (CNCC) è un’Associazione che riunisce in un unico organismo trasversale tutti gli stakeholders, quali le proprietà, le società di servizi e selezionati retailers, collegati all’industria dei centri commerciali, dei parchi commerciali e dei Factory Outlets, costituendo l’unica realtà rappresentativa del settore.

Sono oltre 1.200 i centri commerciali presenti su il territorio nazionale che, con i loro 36.000 negozi (di cui 7.000 a gestione unifamiliare) registrano 2 miliardi di presenze annue. Particolarmente importante il volume d’affari totale dell’industria commerciale che con i suoi 139,1 miliardi di euro ha un’incidenza sul PIL italiano pari al 4%. Dal punto di vista occupazionale, solo i centri commerciali impiegano oltre 587.000 persone, senza considerare l’indotto che generano.

leggi anche
  • La reazione
    Nuova stretta della Regione, Fusini (Ascom): “Non può pagare tutta la Lombardia per Milano”
    Oscar Fusini
  • Da giovedì
    La proposta della Regione, in Lombardia stop ad attività e spostamenti dalle 23 alle 5: ok del Governo
    Attilio Fontana a Bergamo
  • Il richiamo del sindaco
    Gori: “Coprifuoco e non solo perché la situazione è grave. Rispettate le regole!”
    giorgio gori
  • I dati di martedì 20 ottobre
    Covid, in Lombardia 19 decessi e 2023 positivi: mille a Milano, 45 a Bergamo
    Dati Regione
  • Energie rinnovabili
    Sorgenia, nuova sede a Grassobbio: assunzioni e ricavi per 4 milioni di euro
    Sorgenia Grassobbio
  • Politica & covid
    L’ordinanza sul coprifuoco in Lombardia non arriva: si aspetta Salvini
    Salvini Fontana
  • Dalle 23 di giovedì
    Coprifuoco da giovedì: ecco l’ordinanza della Lombardia
    Attilio Fontana a Bergamo
  • L'elenco
    All’Oriocenter weekend con cento negozi aperti “all’insegna della sicurezza”
    Oriocenter
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it