Quantcast
Covid a Bergamo: a scuola si aumenta la didattica a distanza, ma orari invariati - BergamoNews
Istituti superiori

Covid a Bergamo: a scuola si aumenta la didattica a distanza, ma orari invariati

La decisione dopo l’incontro in Prefettura

Il decreto ministeriale firmato dal premier Giuseppe Conte ha scosso il mondo della scuola che da poco ha ripreso a pieno ritmo. L’invito rivolto alle scuole superiori di integrare la didattica a distanza e quella in presenza, rivedendo il proprio orario di ingresso e chiedendo di riformulare il quadro ore facendo iniziare studenti e studentesse alle 9, rischiava di ribaltare mesi e mesi di lavoro.

Da lunedì 19 ottobre tutti gli istituti secondari di secondo grado della bergamasca hanno rimodulato le lezioni: 50% in presenza e distanza, mentre l’attuazione dell’ entrata scolastica alle 9 è stata discussa in un incontro con la Prefettura, nel primo pomeriggio di martedì. E, in seguito anche ad una nota ministeriale, è stato deciso che l’ingresso alle 9 sia un obbligo da destinare solo alle scuole superiori che non avevano già riorganizzato le entrate e le uscite al fine di non sovraccaricare i mezzi.

“Questo non riguarda le scuole superiori bergamasche, perché tutte sono ripartite con gli orari
scaglionati – spiega la dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Bergamo, Patrizia Graziani -. Il duro lavoro di questi mesi nel mondo della scuola ci ha fatto trovare preparati. Secondo le ultime indicazioni regionali e ministeriali – prosegue – le superiori hanno incrementato la didattica a distanza, ma gli orari rimarranno invariati con i due ingressi delle 8 e delle 10. Questo perché erano già stati organizzati al fine di non sovraffollare il trasporto pubblico e pensati con le agenzie dei mezzi pubblici locali – conclude il dirigente dell’Ufficio scolastico -. Le scuole hanno lavorato tanto e bene, con grandi sforzi. Sono tutte promosse e così continueremo”.

leggi anche
Dati Regione
I dati di martedì 20 ottobre
Covid, in Lombardia 19 decessi e 2023 positivi: mille a Milano, 45 a Bergamo
giorgio gori
Il richiamo del sindaco
Gori: “Coprifuoco e non solo perché la situazione è grave. Rispettate le regole!”
Tamponi fiera
I dati
Covid, in una settimana 3.780 tamponi nelle scuole: 83 positivi, 34 classi in quarantena
aula vuota classe (foto Ivan Aleksic da Unsplash)
L’ordinanza regionale
La sorpresa dello stop alle lezioni in classe per le superiori
video lezione (foto Giulia M Cameron da Pexels)
Flip classroom
Non chiudere: come far funzionare le scuole superiori e contenere i contagi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it