BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalle mostre d’arte alle giornate Fai d’autunno: il week-end in città

Ecco la panoramica degli appuntamenti in programma sabato 17 e domenica 18 ottobre in città

Sono diverse le iniziative organizzate in Bergamasca nel week-end. Nel rispetto delle disposizioni anti-Covid vengono proposte occasioni di aggregazione per divertirsi e stare all’aria aperta.

Ecco la panoramica degli appuntamenti in programma sabato 17 e domenica 18 ottobre in città.

Fino al 1° novembre a Palazzo della Ragione – Sala delle Capriate sarà allestita la mostra “Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati” di Daniel Buren. Esponente dell’Institutional Critique – la tendenza dell’interrogazione critica delle istituzioni artistiche emersa intorno alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso – Daniel Buren ha utilizzato per la prima volta nel 1965, come supporto per la propria pittura ridotta al grado 0, una tenda da sole, il cui motivo a bande verticali bianche e colorate di 8.7 cm è divenuto, da quel momento in avanti, un dispositivo visivo utilizzato dall’artista in tutti i propri lavori, dalle mostre alle commissioni pubbliche.
Illuminare lo spazio, lavori in situ e situati nasce dall’incontro tra questi
fondamentali orientamenti della ricerca dell’artista e l’interesse più recente per la luce, e in particolare per le qualità e il potenziale estetico e costruttivo della fibra ottica.
Nel suggestivo contesto della Sala delle Capriate, i tessuti luminosi di Buren – presentati per la prima volta in un museo italiano – ridefiniscono gli ambienti storicamente destinati all’amministrazione e all’esercizio della giustizia cittadina, gettando “nuova luce” sulle antiche forme del Palazzo e sugli affreschi in esso conservati, staccati dalle facciate delle case e dalle chiese dell’antico borgo urbano e qui collocati negli anni Ottanta del Novecento.
Gli orari di apertura sono: martedì – venerdì dalle 16 alle 20; sabato e domenica dalle 10 alle 22; lunedì chiuso.

Per gli amanti del teatro, prosegue la programmazione di Pandemonium Teatro e de Il Teatro delle Meraviglie che anche questo fine settimana, seguendo il motto ‘meno posti in sala, più repliche in programma’, propone uno spettacolo in tre repliche al fine di garantire un posto per tutti a teatro: sabato 17 ottobre alle 16:30 e alle 20:30 e domenica 18 alle 16:30, sempre al Teatro di Loreto.
In scena, l’esilarante e istruttivo lavoro firmato da Tiziano Manzini “AAHHMM… PER MANGIARTI MEGLIO” con Tiziano Manzini e Giulia Manzini alle prese con una missione impossibile: dopo le pressanti campagne di educazione alimentare che hanno indicato ai bambini cosa mangiare, i due attori, affronteranno ora la grande questione che riguarda COME mangiare.
La tavola, a casa, a scuola in mensa, nei locali pubblici, diventa la palestra dove si possono osservare in azione urlatori del non mi piace, no non lo mangio, dondolatori di sedie, giocatori di posate, leccatori di piatti, ruttatori delle caverne, velocisti dell’ingollo…
Lo spettacolo sarà un divertente viaggio teatrale, con momenti di vera cucina, attraverso errori, stereotipi, vicissitudini che hanno vissuto e ancora vivono generazioni di adulti e bambini alle prese con informazioni contraddittorie, buone intenzioni che finiscono di fronte alla realtà quotidiana, cibo che diventa ricatto emotivo da entrambi i fronti genitori/figli… tutte situazioni che possono portare a comportamenti a tavola degni di un perfetto S-galateo!
Lo spettacolo è stato ospite del Festival Giffoni 2016.

Adatto a bambini da 5 anni
Testo e regia Tiziano Manzini
con Tiziano Manzini e Giulia Manzini
voce registrata Walter Maconi
costumi Emanuela Palazzi
Ingresso 6€
Info e prenotazioni: info@pandemoniumteatro.org – 035235039

Voltando pagina, domenica 18 ottobre per le Giornate FAI d’Autunno si terrà l’apertura del Palazzo di Città Alta e dei suoi splendidi giardini. Un percorso libero per conoscere il palazzo e i giardini Moroni. Per osservare con stupore gli affreschi seicenteschi dello Scalone d’onore realizzati da Gian Giacomo Barbello, una delle testimonianze più significative del Barocco a Bergamo Per passeggiare tra aiuole e alberi potati ad arte nei giardini pensili e terrazzati di impianto seicentesco. Per vivere la campagna in uno dei centri storici più belli d’Italia, tra prati alti e terrazzamenti coltivati, alberi da frutto e architetture vegetali tradizionali. Dalle 10 alle 18 è in programma la visita libera.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.