BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Io, Percassi e Trussardi vicini all’acquisto della Taverna del Colleoni in Città Alta”

La rivelazione di Vittorio Feltri nel suo ultimo libro "Ritratti di campioni": nel capitolo dedicato al presidente dell'Atalanta si parla di una trattativa, poi sfumata, per rilevare lo storico locale di piazza Vecchia

Ritratti di campioni è l’ultima fatica editoriale di Vittorio Feltri. Un libro, quello firmato dal giornalista bergamasco, che ha come protagonisti gli sportivi italiani che negli ultimi tempi hanno ottenuto i più grandi riconoscimenti. Da Totti a Pirlo, da Conte ad Ancelotti, da Rossi a Tomba, dalla Vezzali alla Pellegrini, ci sono tutti i più importanti.

Un capitolo è anche dedicato ad Antonio Percassi, patron dell’Atalanta dei miracoli.

“Antonio Percassi non se la tira da divo, odia la mondanità – si legge nella parte del libro dedicata al numero del club nerazzurro -, eppure è un padreterno che, pur passando inosservato, domina la scena da dietro le quinte. D’altronde non solo è bergamasco, quindi schivo e addirittura scontroso, ma si porta sulle forti spalle l’aggravante di essere nato a Clusone, in Valseriana, aspra come il carattere dei suoi abitanti che parlano un dialetto talmente incomprensibile ai forestieri da non sembrare di ceppo indoeuropeo. L’uomo, grande imprenditore, merita di essere raccontato attraverso le sue mirabili opere”.

“Un giorno, nel 2000, mi convocò nel suo ufficio e mostrò interesse per il giornale che stavo per fondare, «Libero». Mi illusi che intendesse entrare in società con me – scrive Feltri -. Sul più bello fece una rapida marcia indietro. Non si fidava di un pazzo come me, evidentemente. E qui sbagliò, perché il quotidiano si rivelò un buon affare. Peggio per lui e pure per me”.

Antonio Percassi, classe 1953, patron dell'Atalanta dal 2010
Antonio Percassi

Ma la parte più interessante del capitolo dedicato a Percassi è senza dubbio quella che riguarda la Taverna del Colleoni, storico ristorante di piazza Vecchia, in Città Alta, chiusa all’inizio del 2019 dopo una travagliata storia: “Desideravamo, lui, Tomaso Trussardi ed io, acquistare un ristorante a Bergamo Alta, la Taverna del Colleoni, ma anche stavolta la trattativa si inceppò – si legge sul libro di Feltri -. Percassi, pignolo e guardingo, controllò ogni virgola e maturò la convinzione che non fosse il caso di procedere. Sottovoce mi disse: «Lasciamo perdere, non conviene». Di sicuro aveva ragione, ma mi sarebbe piaciuto lavorare con lui, implacabile in tutti i campi e non solo su quello erboso”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.