BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giro d’Italia, a Cesenatico piazza d’onore per Mark Padun

Il giovane ucraino di stanza a Bergamo ha tagliato il traguardo con 1'07" di ritardo dall'ecuadoriano Jhonatan Narváez

La sfortuna rinvia l’appuntamento con la prima vittoria al Giro d’Italia per Mark Padun.

Cresciuto ciclisticamente in terra orobica prima fra le fila del Velo Racing Team Palazzago e poi fra quelle del Team Colpack, il 24enne del Team Bahrein-McLaren ha terminato la dodicesima frazione della Corsa Rosa in seconda posizione.

All’attacco sin dall’inizio in compagnia di altri tredici atleti, l’ucraino di stanza a Bergamo ha saputo gestirsi lungo le strade della Nove Colli allungando a poco più di cinquanta chilometri dall’arrivo sugli altri battistrada in compagnia dell’ecuadoriano Jhonatan Narváez (Team Ineos-Grenadiers).

In grado di resistere al freddo e al maltempo che ha imperversato sui percorsi tanto cari a Marco Pantani, l’ex campione nazionale a cronometro è stato colpito da una foratura nel corso dell’ultima discesa.

Una foratura ha infatti costretto il giovane atleta a fermarsi e a lasciar spazio al compagno d’avventura che ha preso subito un discreto vantaggio che ha presto toccato i trenta secondi.

Nonostante le doti da passista, la pedalata di Padun si è fatta gradualmente più legnosa negli ultimi chilometri a causa della fatica assorbita, dovendosi così accontentare della piazza d’onore con 1’07” di ritardo dal sudamericano.

Terzo posto per l’australiano Simon Clarke (Education First), interessato pure lui da un problema meccanico, mentre il gruppo maglia rosa ha tagliato il traguardo di Cesenatico con oltre sette minuti di ritardo trainato dalla Deceuninck-Quick Step.

Grazie al lavoro dei compagni di squadra, il portoghese Joao Almeida è riuscito a mantenere il simbolo del comando tenendosi al proprio fianco il bergamasco Fausto Masnada, attualmente nono in classifica generale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.