BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Canta indie. canta male: il karaoke di cui abbiamo bisogno, ora più che mai

È una verità universalmente riconosciuta che se ami l’indie e sei di Bergamo, ami il canta indie. canta male.

Più informazioni su

Il progetto nato nel 2018 è molto conosciuto anche al di fuori dei confini di Bergamo: a forza di concertini, stonature, birrette, ironia e tanto amore per la musica e i concerti, sono arrivati ad esibirsi su molti palchi in giro per l’Italia, sia in estate che durante il periodo invernale. Ormai sono diventati una garanzia e si sa che quando ci sono loro, il divertimento e una canzone di Calcutta – sempre e rigorosamente stonata – sono assicurati.

Il 17 ottobre si esibiranno a Edoné Bergamo e nel frattempo abbiamo avuto il piacere di fare una chiacchierata virtuale con loro. Se avevate dei dubbi, prendeteli e cestinateli. Questi sono proprio loro, assicurato.

Ecco il risultato:

“Ciao amici di canta Indie. canta male., piacere sono Lisa e vi farò qualche domanda per un’intervista virtuale poco formale, anzi, per nulla. Quindi sentitevi liberi di rispondere come volete, al massimo censuriamo, più o meno…

Quindi, iniziamo:

Da chi è composta la vostra famiglia? E cosa fate all’interno del gruppo?
Allora, più che famiglia in realtà siamo più che altro una fattoria anche se non sappiamo davvero perché. Va beh comunque ca**ate a parte siamo io, Maddalenamolesta che sta sul palco a intrattenere le persone e farle cantare (una volta passavamo il microfono alle persone ma al momento non si può fare) insieme a Camilla, Superpomodoro e Marta.
Poi ci sono i musicisti che sono la parte seria della squadra: sono Giulio Mastropietro che rubiamo ai Pau Amma che suona la chitarra e a volte la tastiera, Stefano Casalena che suona il basso e Matteo Fornasari che suona la batteria.
Poi c’è Gabri Tura che è una via di mezzo tra noi che intratteniamo e un chitarrista.

Spiegate in poche parole chi siete, a chi ci legge. Alt! Però in un modo diverso dal solito: come quando per strada incontri il signore anziano, che è amico del prozio del vicino dei tuoi nonni, che non si sa come ti conosce e vuole sapere cosa stai facendo nella vita. E devi spiegarglielo: 1,2,3, via
Siamo un karaoke collettivo, una cantata in spiaggia ma al posto della spiaggia ci sono i nostri locali e festival del cuore.

Siete nati come progetto nel 2018 e ne avete fatta di strada in pochissimo tempo. Ricordo di essere andata con un’amica al Woodoo Fest nel 2019 per vedere i Canova – argomento ancora troppo doloroso, non parliamone- e la domenica vi esibivate voi. Ma tantissimi sono i festival a cui avete partecipato: Filagosto Festival, Rock sul Serio…. Come è girare per i festival ed esibirsi davanti a tante persone?
Esibirsi davanti a tanta gente è sempre commovente. Sei lì davanti (o in mezzo, perché ci piace proprio stare in mezzo alle persone a volte senza neanche un minimo di palco) a veramente tante persone che uno, sono lì per una cosa che fai tu, due, cantano tutti assieme e niente ogni volta sì, ci si commuove un po’.

Generico ottobre 2020

Ricordo che avete più a cuore di una trasferta?
Forse quando ad Off Topic ci han fatto trovare una bottiglia di vodka in camerino. Non tanto per la vodka – cioè anche per quello visto che non ci siamo fatti scrupoli a farla fuori tutta- ma perché ci siamo sentiti delle star.
O forse quando a Padova prima di noi ha suonato Fadi che oltre ad essere simpaticissimo è uno degli artisti più bravi che si possano trovare su un palco in questo momento.
Un altro momento incredibile è stato quando Giulio è riuscito a suonare con la sua band (i Pau Amma) al Druso alle dieci e poi correre al Magnolia in tempo per essere sul palco del canta indie a mezzanotte.
Abbiamo passato la serata a pensare “ce la farà?” Poi alle undici e mezza abbiamo un po’ cominciato a tremare ma poi è arrivato. Insomma, dai abbiamo dei musicisti che sono degli eroi.
Poi ce ne sarebbero mille altri ma uno finiremmo domani mattina, due meglio che rimangano solo nelle nostre teste.

Quale è invece fra tutti il vostro palco preferito in assoluto?
Questa è difficile perché siamo sinceramente affezionati a tutti i nostri palchi per mille motivi diversi: il Magnolia è stato il nostro primo palco grande e inoltre è il sogno di chiunque si occupi di musica. Ecco, forse è quello al quale dobbiamo di più. Ma anche gli altri, ad Off Topic a Torino ad esempio ci fanno sempre sentire speciali.
Menzione a parte per Edoné Bergamo che più uno dei nostri palchi, è la nostra casa: è dove ci siamo conosciuti, dove facciamo le riunioni (sì a volte ci tocca fare le riunioni ma le facciamo solo per le ig stories con i Canova che cantano che volevano fare le canzoni e son finiti a fare le riunioni), dove facciamo davvero una marea di date ma soprattutto è il posto che quando arriviamo sanno già che ci piace partire con un prosecco e non c’è neanche da chiederlo.
Un po’ come a casa della nonna che sa già che ti deve preparare i casoncelli: ecco a Edoné c’è la Marti che arriva, anche se sono le quattro di pomeriggio, con una bottiglia di prosecco.

Generico ottobre 2020

Adesso domanda serissima a ogni componente: Il vostro telefono è stato hackerato da un potentissimo gruppo di informatici che odiano la musica e vogliono cancellarla dalla faccia della terra. Avete la possibilità di salvare solamente una canzone sul vostro telefono da poter ascoltare per tutta la vita, nessun’altra in più. Quale scegliereste? E perché?
Maddalen
a: Una qualsiasi di Lucio Battisti perché ok un mondo senza musica ma un mondo senza Lucio Battisti proprio no. C’era anche una canzone che lo diceva: “in un mondo che muore, Battisti ci salverà”. È vero.
Camilla: Mr Brightside dei The killers perché penso non potrei vivere senza. Se deve restarmene una sola voglio poterla cantare un po’ sbronza piangendo come Cameron Diaz in The Holiday e poi va be, mi ricorda anche dei momenti belli della vita.
Sofia: Fosco17 – Diego Armando Maradona.
Matteo: Vado molto a periodi. Sarà perché è morto e sono in fissa ma ora direi Judgement Day di Van Halen.
Gabriele: Ghost town – Kanye West.
Marta: Aqualung – Brighter Than Sunshine perché amo quel film e amo Ashton Kutcher.
Giulio: I am the walrus dei Beatles che magari gli piace agli informatici.

Torniamo seri. Mentre come gruppo, quale è il vostro cavallo di battaglia? Intendo una canzone che deve esserci sempre e comunque a ogni vostra serata, oppure un cantante o una band?
Un artista che deve esserci sempre sicuramente è Calcutta. Non c’è un pezzo di Calcutta che non sia fatto per essere cantato così, da sbronzi e felici tutti abbracciati. Di pezzo “Pesto” ovviamente sempre sua perché è proprio un coro. Un altro pezzo che a memoria non è mai uscito dalla scaletta è Sere Nere: coinvolge tantissimo e soprattutto fa cantare anche quelli che capitano lì per caso, o quelli che accompagnano qualche super fan di Gazzelle senza aver ancora capito cosa sia l’indie.

Questioni tecniche: come decidete la scaletta di una serata? In base al vostro mood, alle preferenze oppure come disse un grandissimo artista “a cazzo di cane” che va sempre bene?
[serie tv- Boris]
Più o meno funziona così:
Matteo: raga abbiamo troppi pezzi dobbiamo tagliare.
Maddalena: no aspetta non c’è Pesto togli una dei Canova e metti subito Calcutta.
Marta: ma a me piacciono i Canova :(
Stefano: ma perché non mettiamo Discolabirinto dai è una grande idea la sanno tutti.
Sofia: sì ok ma Fosco17?
Gabritura: *manda selfie*
Stefano: dai facciamo i seri
Giulio: Lucio Battisti mettiamolo dai ci sta
Maddalena: sì Lucio Battisti bello
Marta: no dai Battisti no
Maddalena: *linka io non abito al mare di michielin e calcutta* perché questa non la facciamo?
Sofia: perché fa venir voglia di ammazzarsi
Camilla: Ma destri la facciamo alla fine? L’ho imparata
Matteo: Grazie Sofi
Così. per ore.

Generico ottobre 2020

Litigate spesso o andate d’ amore e d’accordo?
In realtà andiamo d’amore e d’accordo.
Quando qualcuno litiga lo facciamo direttamente fuori e lo cambiamo.
No seriamente, abbiamo un bell’equilibrio ed è una cosa fondamentale perché il gioco è che noi ci divertiamo sul palco e questa cosa passa alle persone, le coinvolge.
Se ci odiassimo o comunque se non fossimo così legati, la tensione si percepirebbe in tutta la sala quindi di solito se capita (perché ovviamente capita di scontarsi) ne parliamo prima, con calma e davanti a una birretta.

Avete qualche evento in programma? Se sì, quando, come, dove…? Non lo dico assolutamente per me, no no, ma anche per chi ci legge…
Il 17 ottobre siamo a Edoné e poi chissà, il momento è molto molto particolare e muoversi è difficile per tutta una serie di motivi, ma siamo super ottimisti che andrà meglio nei prossimi mesi. Bisogna prenotarsi e i posti sono anche quasi finiti quindi se vuoi venire diccelo subito, ti offriamo anche un bicchiere di prosecco super volentieri!

Volete aggiungere qualcosa?
Aggiunta seria (e un po’ paracula): andate ai concerti, supportate gli artisti i locali i promoter e tutta l’industria creativa che sta vivendo uno dei momenti più tristi della sua storia.
Aggiunta ironica: torneremo presto a cantare tutti insieme sul palco e speriamo succeda spesso perché davvero quella cosa ci manca però ecco nel frattempo per accorciare i tempi mettete la mascherina!!

Citazione o motto ufficiale del canta indie. canta male. con cui salutare chi ci sta leggendo?
Non abbiamo un motto ma forse la cosa che ci diciamo più spesso è “ue raga, prosecchino?”.

Sarà che quelli del canta indie. canta male. faranno anche le riunioni, ma ragazzi, che spettacolo sono?

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.