Nations league

La Nazionale torna a Bergamo 14 anni dopo: l’ultima volta fu Italia-Turchia 1-1

Era il 16 novembre 2006 e la squadra di Donadoni deluse per risultato e prestazione. Ma era un'amichevole: questa volta in palio ci sono punti pesanti

L’ultima volta è stata il 16 novembre 2006. Cinque mesi prima l’Italia del calcio si era ubriacata di gioia nella magica notte di Berlino, quando Cannavaro aveva alzato al cielo la Coppa del Mondo. Sembra passata una vita.

Mercoledì 14 ottobre, alle 20.45, la Nazionale di calcio tornerà a Bergamo. Quattordici anni dopo.

Quella che si rivede nel rinnovato Gewiss Stadium (che allora si chiamava Atleti Azzurri d’Italia) è una squadra che sta rinascendo grazie alla gestione – fin qui ottima – di Roberto Mancini.

Giovani di belle speranze e calciatori affamati hanno ridato lustro a un’Italia che negli ultimi anni ha deluso andando ben al di là delle peggiori previsioni: i Mondiali di Sudafrica e Brasile abbandonati già durante il girone eliminatorio e l’ultima Coppa del Mondo persa senza nemmeno giocarla, con gli azzurri eliminati nei playoff di qualificazione dalla modesta Svezia. In mezzo una piccola soddisfazione, la finale di Euro 2012 conquistata dai ragazzi di Cesare Prandelli.

A Bergamo la Nazionale omaggerà la città che più di tutte, per prima, è stata travolta dalla pandemia ancora in corso. È il regalo che la Figc ha voluto fare ai bergamaschi.

Non ci sarà il pubblico, purtroppo, ma sugli spalti rinnovati del Gewiss Stadium ci saranno i sindaci di tutta la provincia bergamasca, invitati dal presidente Gabriele Gravina (su indicazione del deputato leghista Daniele Belotti).

Non sarà una passeggiata contro l’Olanda di Depay e Van Dijk, che vedrà in campo un solo atalantino causa squalifica di Marten de Roon: sarà Hans Hateboer ad avere l’onore di vestire la maglia della sua Nazionale nel suo stadio.

leggi anche
L'Italia-Olanda degli atalantini
Mercoledì 14
L’Italia torna a Bergamo: sarà “casa” solo per Hateboer, fuori de Roon e Belotti

Quattordici anni fa fu una grandissima festa in città, con la Coppa del Mondo appena conquistata esposta a Palazzo Frizzoni, e sugli spalti, con un tutto esaurito che fu la testimonianza di come a Bergamo il grande calcio sia sempre il benvenuto.

Sul campo si vide molto meno spettacolo, con l’undici guidato da Roberto Donadoni (bergamasco ed ex atalantino) che non andò oltre uno striminzito 1-1 contro una Turchia tutt’altro che irresistibile. Ma era solo un’amichevole e il risultato non tolse il sonno a nessuno.

Questa volta, invece, in palio ci sono punti pesantissimi per raggiungere le finali di Nations League. Vincere per l’Italia avrà un’importanza doppia: per mettere in cassaforte il primato in classifica e per omaggiare degnamente i morti di Bergamo.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Gewiss Stadium
Il 14 ottobre
Italia-Olanda si giocherà a Bergamo: solidarietà alla città più colpita dal Covid
Gewiss Stadium Atalanta
Daniele belotti
“Alla partita Italia-Olanda la Figc inviti anche i sindaci bergamaschi”
Gewiss Stadium
La decisione
Mercoledì Italia-Olanda a Bergamo, in tribuna i sindaci della Bergamasca
Nazionale cimitero
L'omaggio
“A Bergamo, ai bergamaschi”: la corona di fiori della Nazionale per le vittime del Covid
Italia-Olanda 1-1
La partita
Italia-Olanda, più tattica che spettacolo. Il ct Mancini: “È stata una bella serata”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI