Guasto all'impianto semaforico del ponte San Michele: chiuso e poi riaperto - BergamoNews
Lunedì mattina

Guasto all’impianto semaforico del ponte San Michele: chiuso e poi riaperto

Nessun problema alla struttura, ma solo all'impianto tecnologico che gestisce l'alternanza del traffico: guasto risolto attorno alle 8, con la circolazione che è ripresa gradualmente e con qualche ritardo.

“Per necessari accertamenti tecnici, che Rfi deve svolgere lungo la linea, la circolazione dei treni è interrotta tra le stazioni di Paderno Robbiate e Calusco”: non è stato un buon inizio di giornata per i pendolari della Bergamo-Milano via Carnate che lunedì mattina si sono trovati una brutta sorpresa, alcuni già a bordo dei treni della direttrice.

Alcuni convogli sono stati fermati nelle stazioni di Calusco da un lato e di Paderno Robbiate dall’altro, in attesa di notizie.

Gli accertamenti, fortunatamente, non hanno riguardato la struttura del ponte San Michele che collega le due stazioni e riaperto solo un mese fa (con due mesi di anticipo): a portare alla sospensione della circolazione è stato un guasto momentaneo al sistema semaforico che gestisce l’alternanza sul ponte e, come prevede la normativa, Rfi ha immediatamente bloccato il traffico sino a completa risoluzione.

Problema risolto attorno alle 8, quando i treni hanno ripreso a circolare gradualmente dopo le momentanee sospensioni ma con fisiologici ritardi dovuti alla situazione.

Il ponte San Michele rimarrà chiuso nella notte tra lunedì 12 e martedì 13 ottobre, da mezzanotte alle 4.30, per le programmate operazioni di carico e scarico delle attrezzature da ponteggio a servizio dell’arco. 

leggi anche
  • Date e orari
    Calusco, il Ponte San Michele chiude per lavori per quattro notti
    Riapertura del Ponte san Michele sull'Adda
  • Calusco
    Il ponte San Michele sull’Adda riaperto al traffico ferroviario
    Riapertura del Ponte san Michele sull'Adda
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it