Fiocco (ner)azzurro in casa Atalanta: è nato Leonardo Toloi - BergamoNews
Benvenuto!

Fiocco (ner)azzurro in casa Atalanta: è nato Leonardo Toloi

Si allarga la famiglia del difensore brasiliano

Fiocco (ner)azzurro in casa Atalanta: nella mattinata di lunedì 12 ottobre è nato Leonardo, secondogenito del difensore Rafael Toloi.

Il piccolo e mamma Flavia stanno bene.

Toloi sabato ha spento le sue prime trenta candeline (sesto compleanno da atalantino, come ha ricordato il club sui social) e due giorni dopo è arrivato il regalo più bello, la nascita del secondo figlio che allarga la famiglia: la coppia, infatti, ha anche un’altra figlia, Maria Raffaella.

Nel gennaio del 2019 Flavia e Rafael avevano perso il figlio che la donna portava in grembo. Un dramma che il difensore atalantino aveva annunciato tramite i social dopo la spettacolare vittoria ottenuta nei quarti di finale di Coppa Italia contro la Juventus: “Abbiamo finito la partita vinta 3 a 0, con una delle squadre più forti al mondo e siamo in semifinale di Coppa Italia – aveva scritto Toloi -, ho vissuto una notte magica insieme ai miei compagni e a una tifoseria fantastica. Ma quando sono tornato a casa dopo la partita ho ricevuto la notizia che tanto temevo: abbiamo perso il nostro bambino, una dolore e tristezza molto grande”.

Oggi la nascita di Leonardo va – in parte – a ricucire quella ferita che Toloi aveva deciso di rendere pubblica.

Più informazioni
leggi anche
  • Il notiziario
    Atalanta, l’infermeria si sta svuotando: Miranchuk, Ilicic e Pessina sono pronti
    Miranchuck
  • Vittorio feltri
    “Io, Percassi e Trussardi vicini all’acquisto della Taverna del Colleoni in Città Alta”
    Vittorio Feltri
  • Da zingonia
    Atalanta, a Napoli torna Ilicic: “Dall’inizio o poi, comunque gioca”
    Josip Ilicic
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it