Quantcast
Cos’è e come funziona lo smart working: la differenza col telelavoro - BergamoNews

Fisco Facile

Fisco facile

Cos’è e come funziona lo smart working: la differenza col telelavoro

E il lavoro agile previsto per l’emergenza pandemica

Il lavoro agile (o smart working) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato sia dall’assenza di vincoli orari o spaziali che da un’organizzazione del lavoro “per obiettivi” stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro.

È, pertanto, una modalità di esecuzione della prestazione lavorativa che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e che, al contempo, mira a favorire la crescita della sua produttività.

La definizione di smart working, contenuta nella Legge n. 81/2017, pone l’accento sulla flessibilità organizzativa, sulla volontarietà delle parti che sottoscrivono l’accordo individuale e sull’utilizzo di strumentazioni che consentano di lavorare da remoto (come ad esempio: pc portatili, tablet e smartphone).

I lavoratori “agili” detengono ed esercitano gli stessi diritti garantiti dalla legislazione e dalla contrattazione collettiva di settore dei colleghi che eseguono la prestazione con modalità ordinarie. È, quindi, prevista la loro tutela anche in caso di infortuni e malattie professionali.

L’accordo tra dipendente e datore di lavoro deve essere inoltrato telematicamente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dovranno essere indicati i dati del datore di lavoro, del lavoratore, della tipologia di lavoro agile (tempo determinato o indeterminato) e della sua durata.

La differenza con il telelavoro

Il telelavoro, che deve anch’esso scaturire da un accordo tra datore di lavoro e lavoratore, prevede regole molto più rigide e non prevede l’assenza di vincoli orari o spaziali nei confronti del lavoratore. Il lavoro semplicemente si trasla in un luogo diverso ma con lo stesso assetto organizzativo e i medesimi orari e, pertanto, il risultato che l’azienda si aspetta da ciò che fa il lavoratore è il medesimo.

Il telelavoratore, come i lavoratori “agili”, detiene ed esercita gli stessi diritti garantiti dalla legislazione e dalla contrattazione collettiva di settore dei lavoratori che svolgono la prestazione lavorativa all’interno dei locali aziendali.

Lo smart working previsto per l’emergenza epidemiologica

Nell’ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 è stato previsto che la modalità di lavoro agile, disciplinata nella Legge n. 81/2017, può essere applicata dai datori di lavoro privati a ogni rapporto di lavoro subordinato anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti.

Tale modalità semplificata di applicazione del lavoro agile è utilizzabile fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 ma, comunque, non oltre il 31 dicembre 2020 in caso di proroghe dello stato di emergenza ad oggi dichiarato fino al 15 ottobre 2020.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Smart Working
Bergamo
Si discute di Smart working, ma si affronta un nuovo modo di vivere
Generico settembre 2020
Le testimonianze
Smart working? Piace (tanto) ai lavoratori e alle lavoratrici di Bergamo
a2a patuano gori mazzoncini
Bilancio di sostenibilità
A2A e Bergamo: assunzioni, smart working, aiuti Covid, teleriscaldamento
carta carte credito (da Pixabay)
Fisco facile
Rimborsi in denaro per chi paga con le “carte”: come funzionano cashback e supercashback
Mamma figlia Smart working (foto Ketut Subiyanto da Pexels)
Fisco facile
Genitori lavoratori e figli a casa: le novità su smart working e congedo
Giuseppe Agate, direttore risorse umane di Italcementi
Giuseppe agate
Smart working in Italcementi: con strumenti adatti e approccio positivo
Abb  Emiliano Diotallevi
L'intervista
Smart working in ABB: “Avviato prima del lockdown, piace e migliora la produttività”
Capoferri Gewiss
L'intervista
Smart working in Gewiss: adesso lo fa l’80% degli impiegati
Viscardi Cosberg
Michele viscardi
Cosberg e smart working: “Verso un nuovo modello di lavoro in cui i risultati prevalgono sulle ore”
Formaggi Zanetti
L'intervista
Lo smart working in Zanetti: parola d’ordine “flessibilità”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI