BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Morto nello schianto a Treviglio, Gerfi avrebbe compiuto 11 anni tra pochi giorni fotogallery

Il ragazzino viaggiava sulla Fiat Punto guidata dalla madre che si è scontrata con una Bmw X2 lunedì pomeriggio. È morto sul colpo

Avrebbe compiuto 11 anni tra pochi giorni Gerfi Mihai. Invece la sua vita è stata spezzata lungo la Sp42 che divide Treviglio e Arcene, in via Bergamo.

Incidente Treviglio

L’auto, una Fiat Punto di colore grigio scuro sulla quale viaggiava con la madre M.I., 30 anni, ha improvvisamente invaso la carreggiata opposta all’altezza dell’ingresso della Mauri Formaggi. In quel momento nella direzione opposta arrivava una Bmw X2 bianca guidata da D.R., 49enne bergamasca residente nella Bassa, che ha potuto fare ben poco per evitare la collisione.

Erano da poco passate le 13.

L’impatto è stato tremendo: la madre del ragazzino per evitare lo scontro ha provato a sterzare verso sinistra, ma è stato inutile.

Lo schianto tra le due auto è stato frontale-laterale, con la Bmw che ha letteralmente sfondato il lato passeggero della Fiat. Proprio dove era seduto Gerfi.

Sul posto poco dopo sono arrivati gli uomini del 118 con ambulanza, automedica ed elisoccorso. Per estrarre l’11enne e la madre dalle lamiere dell’auto incidentata sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco di Treviglio.

I sanitari hanno provato a rianimare Gerfi per quasi mezz’ora, sul prato verde che divide la Sp42 dall’azienda casearia. Ma per il giovane non c’è stato niente da fare.

Le altre due persone coinvolte nell’incidente sono state portate al Papa Giovanni di Bergamo: la madre di Gerfi in condizioni serie ma non in pericolo di vita, mentre la donna al volante della Bmw con una frattura al polso e senza altre particolari ferite.

La Fiat Punto sulla quale viaggiava Gerfi Mihai
Incidente Treviglio

A ricostruire la dinamica della tragedia ci hanno pensato gli uomini della polizia stradale di Treviglio, guidati dall’ispettore superiore Fabio Barzocchini. È toccato a loro il compito di informare il padre del ragazzino, C.M., della tragedia.

Gerfi avrebbe spento undici candeline il prossimo 26 ottobre. Viveva con il padre 34enne e la madre 30enne, entrambi di origine rumena, a Gerenzago, nel Pavese.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.