• Abbonati
Le pagelle

Palomino è un muro travestito da assist-man, de Roon domina la mediana

SPORTIELLO 6: Ordinaria amministrazione anche nel subire un paio di gol senza accorgersi.

DJIMSITI 6,5: Tiene la posizione sul lato destro della difesa senza mai correre rischi. Un paio di chiusure anche su Simeone a supporto di Romero.

ROMERO 7: Fa il centrale a ringhiare su Simeone per l’esordio dal primo minuto. Fatica in avvio a trovare tempi e meccanismi della difesa a tre. Poi diventa implacabile. Muro invalicabile per Simeone, che finisce per convincersi che non è giornata.

PALOMINO 7: A sinistra nella difesa a tre, guarda a Sottil. Fatica in avvio, si salva all’11’ in corner proprio su Sottil al quale poi prende le misure che lo fanno sparire dal gioco. Suo l’assist per il primo centro di Muriel.

SUTALO (Dal 39′ st) S.V.

HATEBOER 6: Gestisce le forze, così mancano le abituali incursioni. E anche sotto rete si fa anticipare da tale Matteo Tramoni.

PASALIC 6: Perde Godin (in collaborazione con Hateboer) in occasione del pareggio iniziale del Cagliari. Rimedia con un tocco esemplare che vale il 3-1 su assist di Gosens. Un suo disimpegno difensivo leggero al 13’ del secondo tempo crea una opportunità per il Cagliari.

DE ROON 7: Domina nelle chiusure, più difensore che incursore. Fino al 21’ quando una traversa maligna gli nega un euro gol.

GOSENS 7: Non manca mai la tempistica negli inserimenti a creare superiorità numerica, che culmina con l’assist a Pasalic che è solo da appoggiare in rete (3-1). Gioca da nazionale tedesco anche nel farsi rispettare dagli avversari.

MOJICA (Dal 28′ st) S.V.

GOMEZ 7: Dal suo piede partono tutte le azioni, poi decide di diventare capocannoniere con il quarto centro in tre partite. Gasperini giustamente gli risparmia l’ultima mezz’ora.

MALINOVOSKYI (Dal 19′ st) 6: Non fortunato con i ripetuti tiri da fuori. Poi davanti a Cragno si divora un gol al 90′. Sembra non convinto quando deve subentrare a partita già delineata, beata gioventù.

MURIEL 6,5: Orsato al Var è meglio dell’assist di Palomino. Gol convalidato e partita in discesa con doppietta mancata davanti a Cragno che si oppone alla facile occasione d’inizio ripresa.

FREULER (Dal 28′ st) S.V.

ZAPATA 6,5: Terza da titolare, perché la condizione si trova solo giocando con continuità. Pasticcia per i primi 20’, poi decide di azionare il turbo partendo da sinistra e rientrando sul destro per il primo centro stagionale. Spara su Cragno sprecando la doppietta nel secondo tempo.

LAMMERS (Dal 19′ st) 7: Verrà buono perché gioca con entrambi i piedi e non manca fisicità. Sarà più di una alternativa: bravo Sartori a pescarlo.

 

GASPERINI 7: Cagliari – bestia nera al Gewiss Stadium da tre stagioni – che questa volta non passa, per qualche ora Bergamo si gode la testa della classifica. Squadra convinta e consapevole della propria forza con un piccolo appunto: troppa leggerezza o superficialità nel gestire il vantaggio dando qualche spazio di troppo alle ripartenze che con il Cagliari non mettono in dubbio il risultato finale, ma con qualche altro avversario potrebbero vanificare sforzi e risultato.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Muriel
5-2 allo stadium
Atalanta, è il solito spettacolo: pokerissimo al Cagliari, è prima a punteggio pieno
Atalanta-Cagliari
Appunti & virgole
Atalanta prima della classe record: mai tre vittorie su tre all’inizio in A
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI