Vaccinazioni antinfluenzali a Bergamo e provincia a 200mila over 60 e 25mila bambini - BergamoNews
Il piano ats

Vaccinazioni antinfluenzali a Bergamo e provincia a 200mila over 60 e 25mila bambini

Pronte 119 sedi vaccinali in 93 Comuni; 16 in Bergamo città. Trentamila vaccini andranno alle ASST per le categorie di loro competenza (cronici, fragili e personale sanitario).

Il piano delle vaccinazioni antinfluenzali è in fase avanzata: sono 256 i medici (pari al 40% del totale) che vaccineranno al di fuori del proprio studio, in 119 sedi vaccinali individuate e verificate da ATS Bergamo (16 solo nella città di Bergamo) dislocate su 93 Comuni. Tra settimana scorsa e giovedì l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo ha effettuato due call con i medici e i comuni coinvolti. I restanti medici di medicina generale – 392 – procederanno con le vaccinazioni presso i loro ambulatori.

“Nel corso delle call abbiamo illustrato le modalità operative per l’organizzazione e l’effettuazione dei vaccini – spiega il dottor Arrigo Paciello, responsabile del servizio farmaceutico dell’Agenzia di Tutela della Salute – Innanzitutto, oltre all’individuazione e alla verifica delle sedi vaccinali, ATS mette a disposizione dei medici la piattaforma informatica Invisiblefarm per prenotare gli slot, comune per comune, sede vaccinale per sede vaccinale, in cui ricevere i propri pazienti. Il medico di medicina generale prenoterà quindi i suoi slot vaccinali tramite il modulo di prenotazione on-line scegliendo sede vaccinale e fascia oraria in cui collocare i propri assistiti su appuntamento”.

ATS inoltre garantirà la sanificazione iniziale e finale dei locali, con interventi intermedi nei casi di elevata rotazione di medici e assistiti, lo smaltimento di rifiuti sanitari e la fornitura di DPI e di gel igienizzante. Spetteranno invece ai Comuni, anche attraverso le associazioni di volontariato e la Protezione civile, l’accettazione degli assistiti e il rispetto della normativa anti-Covid a partire dal distanziamento, nonché la pulizia quotidiana.

Per il 10 ottobre ATS conta di disporre del calendario definitivo della programmazione delle vaccinazioni al di fuori degli studi medici.

Saranno sottoposti a vaccinazione circa 200.000 over 60 e circa 25.000 bambini (per i quali è prevista una doppia somministrazione). 30.000 vaccini andranno alle ASST per le categorie di loro competenza (cronici, fragili e personale sanitario).

In una nota ieri l’assessorato al Welfare ha precisato che “si parte dalla seconda metà di ottobre con i pazienti fragili e le donne in gravidanza. A novembre gli over 65, seguiti dagli operatori sanitari e i bambini fino al sesto anno, infine gli over 60 sani”.

“Ringraziamo i Comuni e le altre realtà (in particolare Diocesi e Aler) che hanno messo a disposizione le sedi e i medici che hanno segnalato il loro interesse a vaccinare al di fuori dei loro ambulatori – conclude il dottor Paciello – Grazie a questa azione congiunta potremo assicurare la vaccinazione antinfluenzale nel rispetto delle norme anticoronavirus in un momento in cui è di fondamentale importanza ampliare il più possibile, proprio in chiave anti-Covid, la platea di quanti riceveranno il vaccino”.

Spiega Massimo Giupponi, direttore generale ATS Bergamo: “Stiamo affrontando insieme un grande impegno e ringrazio tutte le componenti che hanno partecipato al lavoro in corso, a partire dai medici che hanno risposto al questionario trasmesso ad agosto rispondendo in modo massiccio. Adesso siamo nella fase in cui le diverse componenti sono chiamate a parlarsi e a condividere lo stato di avanzamento dei lavori per consentire ai medici di costruire le agende in vista delle attività di vaccinazione. La logica è quella della responsabilità condivisa che è condizione per generare un servizio utile per tutti: ecco perché ATS ha organizzato la call di oggi e quella della prossima settimana. Le vaccinazioni sono uno strumento fondamentale per governare questa situazione: più persone verranno vaccinate e meno sarà l’incidenza dell’influenza. E, chiaramente, più facile sarà la diagnosi rispetto al Covid”.

Commenta Marcella Messina, presidente Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci: “Credo che un ringraziamento speciale vada rivolto a tutti i Sindaci che, in pochissimo tempo, hanno compiuto un grande sforzo volto ad individuare un numero di spazi sufficiente ad accogliere un significativo afflusso di persone, garantendo al tempo stesso il distanziamento sociale. Questo impegno è stato essenziale ed indispensabile per garantire a tutti, medici e cittadini, la possibilità di effettuare in tutta sicurezza il vaccino antinfluenzale, quest’anno più importante che mai. Grazie quindi ai Sindaci e al personale dei Comuni per il loro grande senso di responsabilità, per aver compreso l’importanza di questa richiesta per la comunità e per la consueta, e mai scontata, dedizione nei confronti dei propri cittadini”.

leggi anche
  • La campagna
    Vaccino antinfluenzale da metà ottobre: a Bergamo hanno aderito 256 medici
  • Coronavirus
    Covid, meno decessi con l’antinfluenzale? Marinoni cauto: “Incidono tanti fattori”
  • La richiesta
    Covid 19, “Servono più ambulatori per la campagna dei vaccini antinfluenzali”
  • Federfarma
    L’allarme dei farmacisti: temiamo una carenza di vaccini antinfluenzali
  • I dati di venerdì 2 ottobre
    Covid, quasi 20mila tamponi e 307 casi in Lombardia: 13 a Bergamo
  • Ats bergamo
    Covid e piano di vaccinazione antinfluenzale: 19 sedi in città, ecco la mappa
  • In lombardia
    Vaccino antinfluenzale, 5 gare deserte su 9: salta maxi fornitura d’urgenza
  • La pediatra
    “I bambini hanno diritto a scuola e sport: ciò che perdono oggi non lo riavranno più”
  • La denuncia
    Vaccini antinfluenzali, Scandella (Pd): “Un flop, che fine faranno le dosi inutilizzate e pagate oro?”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it