BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Temporali e freddo stanno per tornare: da venerdì peggiora su tutta la Bergamasca previsioni

In arrivo una nuova importante perturbazione

A partire da venerdì 2 ottobre la Lombardia sarà indirettamente coinvolta da una vasta circolazione depressionaria in arrivo dal nord-ovest della Francia, figlia di un nuovo impulso d’aria gelida strappata dalla Groenlandia in direzione dell’Europa occidentale. Lo annuncia il Centro Meteo Lombardo.

Osserveremo dunque un peggioramento generale delle condizioni meteorologiche, con sviluppo di precipitazioni a distribuzione però irregolare, in larga misura concentrate a ridosso dei rilievi alpini e prealpini, con fase più intensa nella sera/notte a cavallo tra venerdì 2 e sabato 3 ottobre.

La pioggia a carattere sparso sia possibile (anzi, probabile) anche su tutti i settori di pianura, seppur in maniera più discontinua e con pause asciutte anche lunghe (specie sulle basse pianure).

Le zone da monitorare con particolare attenzione saranno le seguenti: Verbano-Cusio-Ossola e Canton Ticino in primis (fino a 300mm totali in 36 ore), quindi Lario e Valchiavenna, Valtellina, valli bergamasche e bresciane (comparto delle Orobie, Valcamonica e afferenti), nonché l’Alto Oltrepò Pavese (per locale sconfinamento delle linee temporalesche liguri).

La principale criticità è dunque il rischio idro-geologico conseguente a precipitazioni molto insistenti e abbondanti, a cui segue il rischio idraulico (valido anche in pianura, a titolo secondario) per eventuali piene di fiumi e torrenti prealpino-pedemontani. In ultimo, dobbiamo attenderci forte ventilazione orientale (possibili raffiche fino a 60-70 km/h) nei settori padani lombardi, che faranno da generoso lasciapassare all’imponente richiamo sciroccale.

Nel corso della mattinata di sabato i fenomeni andranno mitigandosi ed esaurendosi – con rapidità – a partire dalle aree di bassa pianura, grazie al deciso ingresso frontale d’aria più fresca e secca da sud-ovest. In questo frangente osserveremo un deciso ricambio d’aria nel catino padano, con probabili schiarite anche ampie (su Alpi e Prealpi, invece, le nubi tenderanno a permanere).

La circolazione depressionaria in ingresso dalla Francia, tuttavia, già in fase molto matura d’occlusione (ossia arricciata più volte su se stessa, dopo aver “ingerito” una gran dose d’aria umida e instabile), continuerà a veicolare nuova nuvolosità importante in regione. Dobbiamo dunque attenderci nuove instabilità, con possibilità di nuove precipitazioni sparse già nel corso di sabato pomeriggio (e probabilmente anche nel pomeriggio/sera di domenica).

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.