BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Calcio spettacolo, gol e veleni: l’Atalanta testa le sue ambizioni contro la Lazio

La gara coi biancocelesti negli ultimi anni è sempre stata ricca di reti (e di tensioni): subito un bel banco di prova per la squadra di Gasperini dopo l'agile vittoria sul Torino.

Più informazioni su

Da un Olimpico all’altro. Dopo essere uscita vittoriosa da quello di Torino, la Dea si reca questa sera in quello di Roma per affrontare la Lazio nel recupero della prima giornata del campionato.

La compagine nerazzurra si prepara alla sfida con i laziali conscia e consapevole della sua forza, convinta davvero di essere diventata una grande squadra.

Lo ha dimostrato anche domenica quando, pur con qualche disattenzione difensiva (nonostante un reparto arretrato quasi completamente inedito), ha espresso il solito convincente gioco, schiantando gli avversari in un match che francamente non è mai apparso in discussione.

Certo, a voler essere onesti la squadra granata è apparsa poca cosa, ma sono anche convinto che siano le splendide giocate dei giocatori nerazzurri a far sembrare tutto facile, anche ciò che spesso non lo è.

Ecco allora servito per oggi un banco di prova certamente ben più complicato, perché la squadra di Inzaghi parte anche in questo torneo con l’obiettivo di raggiungere uno dei primissimi posti.

La formazione capitolina è rimasta praticamente quello dello scorso campionato, forte in ogni reparto grazie anche al fatto di essere riuscita a tenersi ben stretta giocatori fondamentali nello scacchiere del mister laziale come Milinkovic Savic e Immobile.

Ed infatti lo ha immediatamente dimostrato nella prima gara della stagione andando ad imporsi comodamente sul sempre difficile terreno della Sardegna Arena per 2 a 0.

Conoscendo le due squadre, entrambe capaci di esprimersi a viso aperto, mi aspetto una gara vibrante e ricca di reti, anche in considerazione del fatto che i rispettivi reparti offensivi sono sicuramente i migliori del campionato.

Data appunto la forza dell’attacco laziale, mister Gasperini dovrà però sicuramente conferire maggiore impermeabilità al reparto difensivo, che rispetto alla gara di Torino potrà però contare sulla presenza di Romero e Dijmsiti.

Anzi, il vero salto di qualità, come ha avuto modo di dire lo stesso allenatore nerazzurro, la squadra lo potrà fare solo migliorando questo aspetto, forse l’unico neo ancora presente in un meccanismo che per il resto sembra funzionare alla perfezione.

Quel che è certo è che, dopo la rocambolesca finale di Coppa Italia e la gara di campionato dello scorso anno, la Dea ha un conto in sospeso con gli odierni avversari che va presto regolato.

Le due formazioni si sono affrontate a Roma per 52 volte: 21 successi laziali, 18 pareggi e 13 vittorie nerazzurre. Se consideriamo anche le gare disputate a Bergamo le vittorie biancazzurre salgono a 29, quelle atalantine a 35 mentre i pareggi sono stati 40.

I biancazzurri non vincono con l’Atalanta sul loro terreno dal campionato 2016-2017 allorché Milinković-Savić ed Immobile ribaltarono l’iniziale vantaggio di Petagna.

Il più recente pareggio è quello dello scorso torneo: straordinario primo tempo nerazzurro con due reti realizzate da Muriel ed una da Gomez, mentre nella ripresa Immobile (doppietta) e Correa riequilibrarono le sorti con molte polemiche per due rigori generosamente concessi dal direttore di gara.

Al campionato 2018-2019 risale invece l’ultimo successo nerazzurro: al vantaggio iniziale di Parolo fecero seguito le tre realizzazioni atalantine con Zapata, Castagne e l’autorete di Wallace per l’1 a 3 finale.

La vittoria con maggior scarto di reti è quella del campionato 1950-1951 quando la Lazio prevalse per 5 a 0. Le più eclatanti vittorie nerazzurre sono invece quelle dei tornei 1952-1953, 1977-1978 e 1997-1998 (sempre per 0 a 2) e dei tornei 1966-1967 ed appunto del 2018-2019 (vittorie per 1 a 3).

Vi sarà un solo ex ma non lo vedremo correre in campo: si tratta infatti del tecnico biancazzurro Simone Inzaghi che, da giocatore, ha disputato con la maglia atalantina il campionato 2007-2008 collezionando 19 presenze senza nessuna rete realizzata.

L’allenatore laziale teme moltissimo i nerazzurri: speriamo che stasera la Dea possa restare a punteggio pieno.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.