BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Addio al pm 42enne Preteroti, il procuratore: “Bergamo perde un grande uomo”

Il magistrato si è spento giovedì pomeriggio all'ospedale Papa Giovanni. Lascia nel dolore due bimbe e la moglie Raffaella Latorraca, anche lei in servizio alla procura di piazza Dante

“Bergamo perde una grande persona, prima che un grande magistrato”. Si commuove il procuratore capo Antonio Chiappani nel ricordare il pubblico ministero Nicola Preteroti, scomparso giovedì all’età di 42 anni.

Il magistrato è deceduto all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, dove era ricoverato da una decina di giorni. Da tempo lottava contro un brutto male e le sue condizioni si erano aggravate per una complicanza cardiaca.

Papà di due bimbe, era sposato con la collega Raffaella Latorraca, anche lei in servizio alla procura di piazza Dante.

“Per me era come un figlio – prosegue Antonio Chiappani – . Avevamo lavorato insieme quattro anni alla procura di Lecco e lì avevo avuto modo di apprezzare le sue grandi qualità, professionali e umane. Era una persona umile e laboriosa, che si faceva voler bene da tutti i colleghi”.

Preteroti era arrivato a Bergamo nel 2017, caldeggiato dall’ex procuratore Walter Mapelli, scomparso l’8 aprile 2019 dopo quasi due anni di battaglia contro la malattia. Avevano lavorato fianco a fianco durante il periodo di reggenza della procura di Lecco, nel 2014, ponendo particolare attenzione ai temi fiscali.

“Il dotto Mapelli – aggiunge Chiappani – ha saputo valorizzare molto quelle che erano le sue capacità. Noi due invece ricordo che avevamo lavorato all’inchiesta sul crollo del ponte di Annone Brianza”.

A Bergamo Preteroti, nel suo ufficio al primo piano, aveva condotto diverse indagini sui temi economici, ma non solo. L’ultima inchiesta conclusa è stata resa pubblica solo a metà settembre, con un giro di prodotti petroliferi di contrabbando per un’evasione di quasi 3 milioni che aveva portato in carcere dieci persone.

“Difficile aggiungere altro – conclude Chiappani – , questa è una gran perdita per noi e per tutta la provincia di Bergamo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.