BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Corsie ciclabili più pericolose che utili”: Cisl e autisti dei bus preoccupati foto

Pasquale Salvatore, segreteria provinciale Fit Cisl: "Segnalate molti disagi. Non siamo contrari alla mobilità sostenibile, ma i percorsi andrebbero rivisti"

Nate sotto i migliori auspici e con le migliori intenzioni, le corsie ciclabili (introdotte anche a Bergamo con il decreto Rilancio di metà agosto) cominciano a suscitare perplessità e preoccupazioni, soprattutto da parte dei lavoratori dei servizi pubblici di trasporto.

La connessione di alcuni tratti di ciclabili già esistenti con corsie ricavate dalle strade normalmente destinate al traffico automobilistico solo grazie a segnaletica orizzontale “potrebbe causare gravi incidenti o recare pesanti danni economici al trasporto pubblico, già pesantemente colpito dall’emergenza pandemica – sostiene Pasquale Salvatore, della segreteria provinciale Fit Cisl -. Soprattutto nell’incrocio tra le corsie e le piazzole di sosta degli autobus, molti autisti ci hanno segnalato diverse situazioni di disagio e pericolo. Poi, se per le auto più piccole è abbastanza facile non invadere la mini corsia ciclabile, per gli autobus questo è praticamente impossibile. Ciò comporta notevoli rallentamenti con conseguente perdita di tempo e quindi economica del servizio”.

Naturalmente il sindacato non dice “contrario allo sviluppo di una mobilità sostenibile, ma ricordiamo che nella mobilità sostenibile, il trasporto pubblico ha e deve mantenere un ruolo importante e predominante – prosegue Salvatore -. Se la ‘concorrenza’ con altri mezzi si riversa esclusivamente sul servizio degli autobus, questo non potrà a lungo andare far bene al sistema del trasporto”.

Il sindacato dei trasporti di via Carnovali chiede che si rimetta mano al disegno delle corsie ciclabili: “In ottica sistemica, rinunciando a qualche parcheggio a raso e individuando strade meno battute si potrebbe ricavare un servizio migliore, riducendo le criticità ed i pericoli per tutti gli utenti della strada, con l’obiettivo di una mobilità davvero sostenibile, sicura e di ampio respiro europeo. Infine, nessuno ha mai pensato al fatto che le corsie ciclabili attraversano tutti i tombini che ci sono
sulle strade, mettendo in seria difficoltà ogni ciclista?”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marcori

    In città giro in bici e per quanto possibile cerco di stare sempre più a destra possibile.Così facendo mi prendo tutti i tombini e le buche esistenti, quando vedo che sono crateri mi sposto verso sinistra per evitarle ma sempre con la paura che un’altro veicolo mi possa falciare. Adesso con le corsie ciclabili mi sento molto più sicuro perché resto all’interno della corsia. Forse il sig.Pasquale non conosce le norme ma sentivo Zenoni dire che se non ci sono bici gli altri veicoli possono entrare nelle corsie.