"Corsie ciclabili più pericolose che utili": Cisl e autisti dei bus preoccupati - BergamoNews
Bergamo

“Corsie ciclabili più pericolose che utili”: Cisl e autisti dei bus preoccupati

Pasquale Salvatore, segreteria provinciale Fit Cisl: "Segnalate molti disagi. Non siamo contrari alla mobilità sostenibile, ma i percorsi andrebbero rivisti"

Nate sotto i migliori auspici e con le migliori intenzioni, le corsie ciclabili (introdotte anche a Bergamo con il decreto Rilancio di metà agosto) cominciano a suscitare perplessità e preoccupazioni, soprattutto da parte dei lavoratori dei servizi pubblici di trasporto.

La connessione di alcuni tratti di ciclabili già esistenti con corsie ricavate dalle strade normalmente destinate al traffico automobilistico solo grazie a segnaletica orizzontale “potrebbe causare gravi incidenti o recare pesanti danni economici al trasporto pubblico, già pesantemente colpito dall’emergenza pandemica – sostiene Pasquale Salvatore, della segreteria provinciale Fit Cisl -. Soprattutto nell’incrocio tra le corsie e le piazzole di sosta degli autobus, molti autisti ci hanno segnalato diverse situazioni di disagio e pericolo. Poi, se per le auto più piccole è abbastanza facile non invadere la mini corsia ciclabile, per gli autobus questo è praticamente impossibile. Ciò comporta notevoli rallentamenti con conseguente perdita di tempo e quindi economica del servizio”.

Naturalmente il sindacato non dice “contrario allo sviluppo di una mobilità sostenibile, ma ricordiamo che nella mobilità sostenibile, il trasporto pubblico ha e deve mantenere un ruolo importante e predominante – prosegue Salvatore -. Se la ‘concorrenza’ con altri mezzi si riversa esclusivamente sul servizio degli autobus, questo non potrà a lungo andare far bene al sistema del trasporto”.

Il sindacato dei trasporti di via Carnovali chiede che si rimetta mano al disegno delle corsie ciclabili: “In ottica sistemica, rinunciando a qualche parcheggio a raso e individuando strade meno battute si potrebbe ricavare un servizio migliore, riducendo le criticità ed i pericoli per tutti gli utenti della strada, con l’obiettivo di una mobilità davvero sostenibile, sicura e di ampio respiro europeo. Infine, nessuno ha mai pensato al fatto che le corsie ciclabili attraversano tutti i tombini che ci sono
sulle strade, mettendo in seria difficoltà ogni ciclista?”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it