Quantcast
Covid: in Lombardia quasi 15mila tamponi e 182 positivi, 11 a Bergamo - BergamoNews
I dati di martedì 22 settembre

Covid: in Lombardia quasi 15mila tamponi e 182 positivi, 11 a Bergamo

A livello regionale altri due decessi, mentre diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva (-2)

Sono 182 i nuovi positivi al Covid in Lombardia, a fronte di quasi 15mila tamponi effettuati: 11 di questi in Bergamasca. Sono gli ultimi dati diffusi da Regione Lombardia, nel pomeriggio di martedì 22 settembre.

A livello regionale si registrano altri due decessi, mentre diminuiscono i ricoveri in terapia intensiva (-2).

Come ogni giorno, sulla home page del sito della Regione Lombardia (www.regione.lombardia.it) è disponibile una ‘dashboard’ navigabile con tutti i dati aggiornati.

I dati della giornata

– i tamponi effettuati: 14.808, totale complessivo: 1.968.107
– i nuovi casi positivi: 182 (di cui 26 ‘debolmente positivi’ e 21 a seguito di test sierologico)
– i guariti/dimessi totale complessivo: 79.078 (+229), di cui 1.475 dimessi e 77.603 guariti
– in terapia intensiva: 34 (-2)
– i ricoverati non in terapia intensiva: 294 (+11)
– i decessi, totale complessivo: 16.925 (+2)

I nuovi casi per provincia:

Milano: 76, di cui 47 a Milano città;
Bergamo: 11;
Brescia: 3;
Como: 3;
Cremona: 0;
Lecco: 2;
Lodi: 1;
Mantova: 5;
Monza e Brianza: 12;
Pavia: 35;
Sondrio: 2;
Varese: 6.

leggi anche
Coronavirus Areu
Numeri da primato
Inail: a Bergamo 2.452 infortuni e 37 morti sul lavoro causa Covid
Coronavirus Areu Orio
Al pirellone
Entro un anno la verità sulla gestione emergenza Covid: al via l’indagine in Regione
Gewiss Stadium
Il 14 ottobre
Italia-Olanda si giocherà a Bergamo: solidarietà alla città più colpita dal Covid
Roby Facchinetti
A verissimo
Roby Facchinetti commosso in tv: “La mia Bergamo martoriata dal Covid”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it