Referendum: in Bergamasca alle 23 di domenica ai seggi il 41,89% - BergamoNews
Si vota fino alle 15

Referendum: in Bergamasca alle 23 di domenica ai seggi il 41,89%

A Fuipiano la percentuale più alta: il 64,44%, a Foppolo la più bassa: il 24,20

Come si sa il referendum sul numero dei parlamentari non ha bisogno di quorum per essere valido. Ma in Bergamasca i votanti nella giornata di domenica è stato alto, più della media nazionale che si attesta al 39,38%: alle 23 ha votato infatti il 41,89%.

A Bergamo città, dove il sindaco Giorgio Gori ha espresso il proprio voto in piazza Cittadella intorno alle 20, la presenza ai seggi è del 41,68%.

Ricordiamo che si può votare anche oggi, lunedì, dalle 7 alle 15.

In alcuni paesi, in particolare in quelli in cui si sceglie anche il sindaco, ma non solo, la percentuale dei votanti ha superato già il 50%. Ecco dove:

Fuipiano: 64,44
Valleve: 64,29
Cividate al Piano: 64,27
Parzanica: 63,70
Clusone: 60,55
Mezzoldo: 60,54
Colere: 59,01
Borgo di Terzo: 58,86%
Oneta: 58,70
Cene: 58,06
Sorisole: 56,17
Almè: 55,58
Oltressenda Alta: 53,97
Gazzaniga: 50,79
Barbata: 50,48
Cassiglio: 50 preciso

Sotto il 30% invece in pochissime realtà come:

Foppolo: 24,20
Valtorta: 27,62
Valbondione: 29,99

QUI tutte le percentuali dei Comuni bergamaschi

leggi anche
  • I dati
    Referendum, a mezzogiorno in Bergamasca affluenza al 13,83%
    referendum voto
  • Palafrizzoni
    Referendum a Bergamo, come funziona il servizio di trasporto ai seggi per disabili
    Manifesti referendum
  • Referendum
    Oltre 800mila cittadini bergamaschi chiamati al voto: le linee guida e le misure anti contagio
    Referendum
  • La diretta
    Regionali: Giani in Toscana, Emiliano in Puglia e Zaia stravince in Veneto
    elezioni regionali
  • Lo spoglio
    Referendum: a Bergamo città i Sì sono 59,76%; in provincia 70,26%
    Referendum bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it