Roby Facchinetti commosso in tv: "La mia Bergamo martoriata dal Covid" - BergamoNews
A verissimo

Roby Facchinetti commosso in tv: “La mia Bergamo martoriata dal Covid”

"La mia città non è più la stessa, non la riconosco più. E questo non è giusto"

“La mia città, Bergamo, non è più la stessa, non la riconosco più. E questo non è giusto”. Come riporta Tgcom24 el salotto di “Verissimo”, condotto da Silvia Toffanin, Roby Facchinetti racconta con commozione i terribili mesi vissuti dalla sua città, Bergamo, martoriata dalla pandemia di coronavirus.

Migliaia di morti, le tristi immagini dei camion militari carichi di bare che lasciavano il cimitero cittadino. “Sono ferite che non se ne andranno più. Ci sono famiglie decimate. Io stesso ho perso sette persone, tra cui tre parenti e due amici di famiglia”, spiega l’ex tastierista dei Pooh.

“Adesso le cose vanno meglio, però, devo dire, non riconosco più la mia città. Quando la gente si incontra, non si riesce a parlare d’altro”. Le terribili immagini del 18 marzo – quei camion carichi di morti che lasciavano il cimitero di Bergamo – hanno fatto il giro del mondo.

“Avevo il terrore del Covid”, rivela Facchinetti. “Ogni giorno andavo a prendere il giornale, il nostro giornale, tutto imbacuccato. Bergamo è un paesone, ci si conosce tutti. Le pagine dei necrologi erano passate da una e mezzo a dieci. Questo virus è una bestia talmente incredibile che può colpire chiunque”.

Ma quelle immagini fecero scattare qualcosa dentro il cuore di Roby. “C’erano angoscia, dolore, pianti, commozione… Andai nel mio studio, a casa, perché mi sono sempre rifugiato nella musica. Volevo solo suonare il pianoforte, non volevo comporre. Ma, improvvisamente, è nato il brano ‘Rinascerò, rinascerai’, che non so nemmeno io da dove sia arrivato. Ho capito che era una melodia che, io per primo, mi faceva stare bene.

Chiamai Stefano D’Orazio che, ascoltata la melodia, scrisse in pochissimo tempo quella meravigliosa poesia”, spiega il cantante, raccontando come sia nata la splendida canzone dedicata a Bergamo. “La mia città è in ginocchio, sta ancora soffrendo parecchio. I proventi della canzone sono andati al nostro ospedale, il Papa Giovanni XXIII, che in quel periodo era in enorme difficoltà”.

Più informazioni
leggi anche
  • I dati di martedì 22 settembre
    Covid: in Lombardia quasi 15mila tamponi e 182 positivi, 11 a Bergamo
    Tamponi Coronavirus
  • I progetti
    Roby Facchinetti e ‘Il potere della musica’: per l’artista primo romanzo e nuovo cd
    Roby Facchinetti nuovo Cd
  • Musica in lutto
    Addio a Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh: “Perdiamo un fratello”
    pooh stefano d'orazio (foto Stefanino Benni)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it