BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviolo, per gli studenti edifici adeguati e trasporto fin dal primo giorno

In collaborazione con il dirigente scolastico, sono stati individuati alcuni interventi necessari a garantire l’ingresso in sicurezza a tutti gli studenti e gli operatori delle scuole di Treviolo

Sono tornati sui loro banchi gli studenti dell’istituto comprensivo Cesare Zonca di Treviolo. Lunedì, al suono della prima campanella, i ragazzi che frequentano le scuole treviolesi sono tornati in aula con nuove regole da rispettare, la mascherina a coprire naso e bocca, il distanziamento sociale ma con tanta gioia per la ripresa delle lezioni in presenza.

L’Amministrazione comunale, l’assessorato alle Politiche Educative, l’ufficio tecnico e la Sat, azienda totalmente partecipata dal Comune, hanno lavorato intensamente nell’ultimo periodo per fare in modo che bambini e ragazzi potessero tornare a scuola in sicurezza e usufruire come sempre di tutti i servizi nonostante le restrizioni dovute alle direttive anti Covid.

GLI ADEGUAMENTI SCOLASTICI

In collaborazione con il dirigente scolastico, sono stati individuati alcuni interventi necessari a garantire l’ingresso in sicurezza a tutti gli studenti e gli operatori delle scuole di Treviolo: doppi accessi, per meglio regolamentare l’entrata e l’uscita e per evitare assembramenti (alla primaria di Curnasco ne sarà realizzato uno nuovo) e, all’interno dei cortili, ogni classe ha il suo spazio con un’apposita segnaletica sulla pavimentazione che aiuta alunni e studenti a mantenere la distanza. Nei giardini delle primarie di Curnasco e Albegno sono state create due aree provvisorie proprio con questa funzione. Alla scuola secondaria di primo grado, nelle aule esposte a sud, saranno state montate sugli infissi delle lamine frangisole per proteggere studenti e insegnanti da luce e calore eccessivi.

L’ex appartamento del custode delle scuole medie è oggetto di un adeguamento e sarà messo a disposizione dei Servizi sociali per varie attività, tra cui lo spazio compiti.
Sarà realizzato inoltre un nuovo ingresso per accedere agli uffici dei Servizi Sociali, prima in comune con quello delle scuole medie, per consentire di chiudere i cancelli una volta che gli studenti si trovano all’interno dell’edificio.
Questi interventi costeranno in totale circa 136mila euro e verranno finanziati con parte dei fondi che Regione Lombardia e il Governo hanno messo a disposizione dei Comuni per garantire un supporto nel periodo post lockdown.
Con un investimento di 20mila euro provenienti da risorse di bilancio, verrà invece rifatta la copertura del tetto della primaria di Curnasco risolvendo così le problematiche relative alle infiltrazioni di acqua.

Generico settembre 2020

IL TRASPORTO SCOLASTICO

Il pullmino giallo, ecologico e con al volante il nuovo autista Paolo Dragoni, è stato operativo fin dal primo giorno di scuola, trasportando i circa 50 alunni e studenti nei vari plessi treviolesi.

“Riuscire a garantire il servizio di trasporto è stato molto impegnativo, ma grazie ad un lavoro di squadra e alla ferma volontà di far partire lo scuolabus il 14 settembre, siamo riusciti nel nostro intento – spiega l’assessore alle Politiche Socio-Educative Virna Invernici -. Abbiamo avuto pochissimo tempo per predisporre tutto, anche perché le direttive sono arrivate alla fine di agosto ed infatti abbiamo aperto le iscrizioni il 30 agosto e le abbiamo chiuse il 10 settembre, quando gli anni passati le aprivamo nel mese di marzo. Non avremmo potuto fare altrimenti, non è dipeso da noi, ci siamo impegnati molto e ciò che conta è che i ragazzi delle scuole di Treviolo e le loro famiglie abbiano garantito il servizio di trasporto, cosa che in diversi comuni non è avvenuta. Tra l’altro attivo fin dal primo giorno di scuola, quando ancora l’orario delle lezioni e tutti gli altri servizi vanno a regime verso la fine del mese”.

Monica Colleoni, amministratore unico di Sat, assicura: “Il servizio di trasporto scolastico è stato predisposto seguendo tutte le normative e le disposizioni anti Covid e chi ne usufruisce lo può quindi fare in totale sicurezza. Abbiamo applicato i bollini sui sedili da non utilizzare per garantire la giusta distanza tra un bambino e l’altro, inoltre ci sono diverse coppie di fratelli che si possono sedere vicini. Il pullmino effettua due giri del paese e siamo quindi riusciti a soddisfare le esigenze di tutte le famiglie che hanno richiesto il servizio di trasporto scolastico, garantendolo anche nei primi quindici giorni di scuola con l’uscita anticipata”.

La Sat e l’Amministrazione comunale stanno lavorando per cercare di far partire anche il trasporto per i bambini della scuola dell’infanzia e per gli alunni della primaria di Curnasco che finiscono alle 16, attualmente non disponibili: “In questa settimana abbiamo diversi incontri per cercare di trovare una soluzione idonea. Da parte nostra c’è tutta la volontà di risolvere il problema”, conclude Colleoni.

Generico settembre 2020

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.