BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Primi giorni al nuovo rondò di Campagnola: “Migliorati traffico e viabilità”

Diminuiti i tempi di attesa al semaforo e le code, fatto che comporterà anche un calo di incidenti in questa zona

Da qualche giorno, da lunedì per la precisione, è aperta la nuova rotonda tra Campagnola e Malpensata: come è cambiata la situazione? Lo chiediamo all’architetto Attilio Gobbi a cui è stato affidato il progetto dell’intervento e che ci spiega la genesi e i vantaggi della soluzione adottata all’interno della riqualificazione dell’area ex Mangimi Moretti, complesso abbandonato dal 2005, disegno presentato al Comune di Bergamo nel 2018 dalla Arki Srl, società proprietaria dell’area.

Come è nata l’iniziativa di risistemare la rotonda degli ex Mangimi Moretti?

Innanzitutto è importante sottolineare che il rondò si trova in uno dei punti difficili della città di Bergamo, tra Malpensata e Campagnola, per questa ragione chi proveniva dall’autostrada o da
altri quartieri doveva sempre svoltare a sinistra ed è molto pericoloso. Inoltre l’attesa per i semafori era molto lunga, anche 5 minuti, al punto che gli automobilisti per non rischiare lo scatto del
rosso, al giallo o anche prima acceleravano: questo comportamento è stato la causa di molti incidenti. Grazie alla nuova viabilità sono diminuiti tempi d’attesa e code.

Nelle altre città come funziona?

A Milano per esempio, quando ci si trova di fronte a questa situazione, prima si svolta a destra e poi si gira a sinistra. Diciamo che in passato c’era molto meno traffico e il disagio non era così evidente, negli ultimi anni però la circolazione è aumentata molto a Bergamo.

E adesso qui come è cambiata la viabilità?

Come succede a Milano, appunto: in pratica, chi dove andare a sinistra, verso il centro città, non deve più attendere pericolosamente nel mezzo della Circonvallazione come avveniva fino a ieri, ma svolta a destra e attraversa il rettilineo con tempi semaforici più ridotti.

Ci sono altri vantaggi?

Ci sono anche vantaggi che riguardano l’ambiente, abbiamo permesso la “connessione verde” del parco in via Case Barca, zona precedentemente occupata dall’asfalto, e aggiungo che le porzioni
del parco sono state convertite in piste ciclabili. Oltre a tutto anche l’ingresso al quartiere di Campagnola avrà un viale molto più largo perché non sono più presenti i muri a destra e a sinistra. Infine un altro aspetto positivo riguarda soprattutto gli studenti: i ragazzi che escono dalle scuole non sono più costretti ad attraversare la circonvallazione.

Avete già riscontrato miglioramenti in questi pochi giorni?

Sono contento perché già solo in questi pochi giorni, obiettivamente, ho visto dei miglioramenti, anche se qualcuno continua a comportarsi in maniera sleale continuando a svoltare a sinistra.
Penso che con il tempo ci saranno ulteriori progressi, quindi non mi scoraggio se vedo per il momento delle scorrettezze. Secondo le nostre previsioni, entro la fine del 2020, il lavoro sarà
definitivamente completato.

Oltre a svoltare ancora a sinistra, quali comportamenti inadeguati ci sono ancora?

Tra le varie questioni, quella rilevante è quella legata all’alta velocità degli automobilisti: non è possibile vederli sfrecciare in una strada urbana. Sono sicuro che saranno presi provvedimenti per regolare l’andatura dei veicoli. Noi abbiamo lavorato molto proprio per evitare incidenti e altri eventuali pericoli, non credo che chi è deputato ai controlli rimarrà indifferente di fronte a questo problema.

Quale è stata la procedura per poter ottenere il finanziamento?

L’amministrazione comunale di Bergamo sicuramente avrà ricevuto delle segnalazioni da parte dei cittadini, di conseguenza ha provveduto a sostenere un intervento locale chiedendo a un ente
privato di investire in questa ristrutturazione, se non ci fosse stato quest’ultimo, dubito che sarebbe stata cambiato qualcosa. Dal mio punto di vista, per migliorare per bene la situazione,
sarebbe utile un intervento strutturale in modo da diminuire il traffico.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da massimiliano

    Non capisco come possiate dire che il traffico e’ migliorato. Il rondo’ e’ ancora in fase di costruzione. Io ci ho lavorato Mercoledi pomeriggio per un guasto alla linea telefonica e vi assicuro che non e’ come dite.
    Quando sara’ finito si potranno trarre le conclusioni.
    Per ora le macchine passano ancora nelle due corsie centrali(due per ogni lato) e se no beccano il semaforo rosso vanno ancora a 200 all’ora….. Direi che le informazioni che avete dato sono molto incomplete

  2. Scritto da AvecVtec

    Vorrei capire cosa è stato fatto per evitare che i furbetti salta-coda provenienti dal rondò delle valli stiano a destra e poi saltino a sinistra all’ultimo per riprendere la circonvallazione…

  3. Scritto da Ivan69

    Potrebbero fare così anche all’uscita A4 di Bergamo,dando precedenza a chi è nell’esistente rotonda e rallentando chi esce dall’autostrada.
    Il tutto senza grosse spese e con gli spazi visto che per chi esce dall’autostrada esiste già pure un limite di velocità che pochi rispettano…