Lo strano caso di Oneta, 580 abitanti e quattro liste: ecco i candidati - BergamoNews
Verso il voto

Lo strano caso di Oneta, 580 abitanti e quattro liste: ecco i candidati

Nel 2019 nessuno si era fatto avanti per il posto di sindaco

Meno di 600 abitanti e quattro liste in corsa. E pensare che nel 2019 nessuno si era fatto avanti. Sicuramente c’è fermento in quel di Oneta, in val del Riso: uno dei tredici paesi chiamati alle urne il 20 e 21 settembre per scegliere il nuovo sindaco.

Tra i candidati c’è l’ex primo cittadino Angelo Dallagrassa, 72 anni, a capo della lista ‘Uniti per Oneta’. Dopo tre mandati e un anno di stop, ha deciso di rimettersi in gioco: “Il nostro è un territorio impegnativo – spiega -. Abbiamo venti chilometri di strade, tre cimiteri, quattro frazioni e quattro contrade. La manutenzione capillare del territorio è tra i punti cardine del nostro programma. Contiamo di mantenervi fede puntando molto sul volontariato, da sempre un valore aggiunto della nostra comunità. Ai volontari sarò sempre riconoscente – aggiunge – troveremo un modo per riconoscere il loro contributo”.

Antonio Dallagrassa, 72 anni

Altro tema caro all’ex sindaco è quello del trasporto scolastico: “Oneta conta all’incirca 580 abitanti, distribuiti su quattro frazioni e altrettante contrade. Cercheremo di soddisfare le esigenze di tutti – assicura – rispettando però logiche ed esigenze di bilancio”.

Alex Airoldi, 43 anni, dipendente in un’azienda chimica, è invece alla guida la lista ‘Impegno Popolare per l’Italia’. Originario di Cerro Maggiore (Milano) lì ha fondato la Pro Loco e da anni possiede una casa a Oltre il Colle, al confine con Oneta. “La nostra è una lista di persone che hanno case in zona e amano questo paese – spiega -. Vogliamo contribuire al rilancio turistico ed economico di Oneta, perché crediamo possa diventare la perla della val del Riso”. L’obiettivo? “Andare oltre l’ordinaria amministrazione – dice Airoldi -. Dobbiamo portare nuovi posti di lavoro e tenere sul territorio i nostri giovani, non solo a parole”.

A destra Alex Airoldi, 43 anni

Il programma elettorale, tra le altre cose, prevede sgravi fiscali per l’apertura di nuove attività sul territorio e per quelle esistenti, oltre alla creazione di uno Sportello del lavoro in municipio, per informare i cittadini su eventuali bandi e contributi. “Anche noi abbiamo a cuore il trasporto scolastico e pure quello degli anziani, che spesso devono spostarsi per le visite mediche. Vorremmo anche creare una rete Wi fi gratuita e una ‘consulta giovani’, dando aiuti e strutture per la creazione di eventi”.

Marco Folini, 32enne studente di giurisprudenza, originario di Bergamo, è il candidato di “Impegno Civico”, lista formata da 8 persone provenienti da varie zone della Bergamasca, ma legate al territorio. Tra loro, anche Eugenio Cadei e Giuseppe Doci, che in passato hanno ricoperto ruoli amministrativi nel Comune di Vigolo.

La quarta e ultima lista vede al timone Luca Oriani, con ‘L’altra Italia’: nelle sue fila – stando a quanto appreso – ci sarebbero candidati consiglieri anche da Veneto e Puglia. Per il momento, non è stato possibile contattare gli esponenti di queste ultime liste.

leggi anche
  • Verso il voto
    Mezzoldo, Siviero: “Avanti col lavoro di Balicco”, l’ex sindaco morto di Covid
    Siviero Mezzoldo
  • Verso il voto
    Lazzarini, candidato a Valleve: “La sfida, far ripartire gli impianti a San Simone”
    Valleve
  • L'elezione
    Dallagrassa vince a Oneta: “Grazie alla comunità, premiato il legame col territorio”
    oneta dallagrassa
  • Amministrative 2020
    Il nuovo Consiglio: gli eletti a Oneta
    oneta dallagrassa
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it