BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sedici milioni di Iva evasa, 600mila euro ‘autoriciclati’: indagini fino a Bergamo

Nei guai l'amministratore di una Srl toscana, domiciliato in città

Più informazioni su

I reati contestati sono frode fiscale, occultamento o distruzione di documenti contabili, indebita compensazione e autoriciclaggio. L’amministratore di una Srl, originario di San Vincenzo (Livorno), con domicilio a Bergamo e residenza anagrafica in Romania, è il principale indagato dell’operazione denominata ‘Confusion’ dalla Guardia di Finanza.

Circa 600mila euro, parte dei 16 milioni di euro di Iva evasa, scoperti dalle fiamme gialle, sarebbero stati “autoriciclati” mediante trasferimento in un portafoglio digitale o wallet, per l’acquisto di criptovalute, gestito da una società londinese “molto nota nel settore”.

Tra le altre persone coinvolte a vario titolo amministratori o legali rappresentanti di società filtro o ‘cartier’ sparse tra Lazio, Veneto, Lombardia e i tre consulenti romani per l’indebita compensazione. Deferite, con l’accusa di riciclaggio, anche la moglie e la madre del principale indagato. Riguardo ai circa 100 imprenditori coinvolti nella presunta frode, sono stati segnalati a 60 diversi reparti della Gdf per il recupero delle pendenze tributarie indebitamente compensate.

Tra i beni sottoposti a sequestro preventivo figurano tre terreni agricoli a Velletri, sette tra negozi e capannoni industriali sempre a Velletri e a Paliano (Frosinone) e disponibilità finanziarie. Tra gli immobili sequestrati ne figurano tre, del valore commerciale di 1,4 milioni, ricondotti a uno dei commercialisti indagati ancorché ‘schermati’ da una società britannica, una Ltd con sede a Londra.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.