BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Enoteca Gaudes

Informazione Pubblicitaria

I liquori e gli amari: storia e caratteristiche, provali con i dolci o usali per i cocktail

L'Enoteca Gaudes ci accompagna alla scoperta di liquori e amari, reperibili in una grandissima varietà

Più informazioni su

Sapete che i liquori e gli amari hanno alle spalle una storia lunghissima e molto affascinante? Queste bevande, composte da alcol, zucchero e acqua, aromatizzate con ingredienti ed estratti vegetali, in base al metodo di produzione, si suddividono in distillati, infusioni ed essenze.

I primi si ottengono tramite distillazione del macerato assumendo una colorazione più limpida, mentre i secondi sono il risultato della macerazione di sostanze e composti vegetali nell’alcol, in modo tale da consentire la diffusione di aromi e principi attivi nella soluzione. Quanto alle essenze, il procedimento consiste nell’aggiungere gli oli essenziali delle erbe alla soluzione alcolica.

Gli amari, molto popolari soprattutto in Italia, si possono ottenere per distillazione, infusione o semplice aggiunta di aromi; sono molto apprezzati in particolare per la loro funzione digestiva.

La storia

Le prime testimonianze della creazione di amari e liquori risalgono a circa 1000 anni fa con l’invenzione dell’alambicco per la distillazione nelle scuole mediche arabe; al tempo entrambi erano utilizzati come rimedi nella cura di diversi malanni come problemi digestivi, mal di testa e raffreddori. Al ritorno dalle crociate i soldati portarono in Europa la conoscenza della distillazione che si diffuse rapidamente in molti centri del sapere dell’epoca: in Italia se ne trovano testimonianze già nel 1100 alla Scuola di Salerno.

Nei secoli successivi la produzione di questi prodotti per uso medico divenne una caratteristica degli istituti religiosi e monastici; ogni monastero aveva la sua ricetta creata utilizzando le erbe e radici che i monaci coltivavano o raccoglievano nelle zone vicine, dando vita a un numero vastissimo di ricette.

All’inizio del rinascimento l’uso di questi prodotti iniziò a cambiare da rimedi per vari malanni a semplice momento di piacere, soprattutto grazie anche all’arrivo di nuove erbe e spezie provenienti dai territori esotici come le Americhe e l’estremo oriente.

Con l’arrivo della rivoluzione industriale i segreti della preparazione di queste bevande lasciarono le mura dei monasteri e diventarono un sapere popolare e iniziò la loro produzione su larga scala.

La degustazione

Gli amari generalmente si bevono a fine pasto per apprezzare appieno il loro effetto digestivo e la temperatura di servizio cambia in relazione alla tipologia. Anche per quanto riguarda i liquori, considerando la grandissima varietà disponibile sul mercato, è difficile dare dei consigli sull’abbinamento. In linea generale sono adatti per il consumo a fine pasto o per accompagnare dolci, ma possono essere utilizzati anche per preparare un grandissimo numero di cocktail.

All’Enoteca Gaudes, a Torre de’ Roveri in via Marconi, 1, si possono trovare amari e liquori provenienti da tutta Italia, dall’Alto Adige alla Sicilia: per avere ulteriori informazioni telefonare al numero 0350401452 oppure inviare un’e-mail a info@enotecagaudes.it

Rimani aggiornato sulle sue proposte consultando il sito www.enotecagaudes.it o accedendo alla pagina Facebook e Instagram.

 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.