BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Valzurio Trail, Iacopo Brasi e Samantha Galassi conquistano la terza edizione

Il rovettese dell'Atletica Rodengo Saiano ha completato la prova in 2h01'36", mentre la toscana residente a Gazzaniga ha tagliato il traguardo in 2h35'55"

Quando la bellezza della natura accompagna un’atleta durante una competizione, la fatica non può far altro che affievolirsi.

Se ne sono resi conto gli oltre 250 partecipanti della Valzurio Trail che, nonostante le insidie causate dal Coronavirus, hanno avuto modo di affrontare in sicurezza i sentieri dell’Alta Val Seriana.

Seguiti attentamente dal campione di ciclismo Paolo Savoldelli, i corridori hanno affrontato i primi 500 metri con le mascherine come previsto prima di lanciarsi verso la piazza centrale di Nasolino dove era posto il traguardo.

La prova organizzata dalla Fly-Up in collaborazione con Gs Nasolino ha riservato sorprese, in particolare per l’ex campione italiano della mezza maratona Ahmed El Mazoury, giunto in terra bergamasca con i favori della vigilia.

Protagonista delle prime fasi della kermesse, il finanziere residente a Brivio ha patito un infortunio che non le ha permesso di completare il percorso quando era saldamente al comando.

A quel punto ha preso le redini della corsa il rovettese Iacopo Brasi (Atletica Rodengo Saiano) che ha tagliato il traguardo in 2h01’36” davanti al veronese Mattia Tanara (Team Scott, 2h03’06”) e all’albinese Marco Zanga (Gaaren Be a Hero, 2h04’38”).

Fra le terre più ricche di acqua di tutta la provincia, la Valzurio ha visto la presenza anche del presidente di Uniacque Paolo Franco che si è cimentato nell’impresa insieme all’amico Giovanni Bettineschi.

“Uniacque è una società pubblica che si occupa di acqua e quindi della salute dei bergamaschi. Gli atleti sono i primi esempi di salute perché conducono uno stile di vita corretto e, nel caso della corsa in montagna, a contatto diretto con la natura che genera acqua. Ecco perché Uniacque sostiene e promuove questo evento sportivo: l’acqua come sorgente di vita e garanzia di salute e benessere per tutti – ha dichiarato il dirigente –. Inoltre questi atleti sono simbolo di sacrificio, la corsa in montagna richiede uno sforzo enorme e i corridori raggiungono luoghi meravigliosi dove le strade non arrivano. Un po’ come noi di Uniacque: ci avventuriamo nel tesoro delle Orobie per mettere a disposizione di tutti i bergamaschi il gioiello più prezioso che le montagne conservano: l’acqua. Ma non un’acqua qualsiasi. La nostra è perfetta. I laboratori certificano da sempre proprietà di alto livello, proprio come l’acqua minerale”

In campo femminile trionfo in solitaria per Samantha Galassi (La Recastello Radici) che, all’ombra della Presolana, ha ritrovato il sorriso ponendo il terzo sigillo consecutivo dopo una stagione difficile che l’aveva vista meditare anche il ritiro dall’agonismo.

In grado di coprire i 22 chilometri in programma in 2h35’55”, la toscana residente a Gazzaniga ha distanziato di 10’49” Maria Eugenia Rossi (Erock team – 2h46’45”), seguita da Chiara Galli (Gaaren Be a Hero – 2h48’03”).

Soddisfazione per il presidente di Fly-Up Mario Poletti che si è già messo all’opera per la preparazione della Sei Comuni Presolana Trail in programma il prossimo 4 ottobre.

“Ce l’abbiamo fatta, impegnandoci al massimo, ancor più del solito, per mettere in atto tutte le misure di sicurezza. Il supporto del Gs Nasolino, di Gigi Baronchelli e di tutti i fantastici volontari è stato fondamentale – ha spiegato Poletti -. La Valzurio è ancora poco conosciuta rispetto al suo potenziale e il nostro intento, allestendo questa gara, è promuovere il territorio: tutti restano affascinati nello scoprire le montagne che abbracciano la conca, le contrade alpine, le baite del Moschel e l’acqua azzurra e pura dei torrenti. Ringrazio gli atleti che hanno corso qui, e una citazione particolare va a Gaaren Be a Hero e Carvico Skyrunning, i team più numerosi”.

Foto Cristian Riva

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.