BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sanità privata: mercoledì è sciopero per sbloccare il rinnovo del contratto

La protesta a Bergamo si terrà dalle 9.30 alle 12 davanti a tutti i posti di lavoro e di fronte alla sede di Ats

Mercoledì 16 settembre le lavoratrici e i lavoratori della Sanità Privata sciopereranno per sbloccare il rinnovo del contratto nazionale. Lo sciopero, indetto da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, coinvolge circa 100 mila operatrici e operatori in tutto il paese, di cui circa 50mila in Lombardia.

La protesta è in risposta al vergognoso cambio di passo delle controparti datoriali Aris e Aiop che dopo 14 anni di blocco contrattuale, 3 anni di dure trattative e la preintesa finalmente raggiunta il 10 giugno scorso, non hanno poi siglato definitivamente il ccnl dietro pretesti senza fondamento, cioè condizioni non sufficienti per sottoscriverlo.

E questo sebbene la garanzia di risorse pubbliche per sostenerlo da parte di Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni, e delle singole Regioni.

Sono in programma presidii dei lavoratori: a Bergamo (dalle 9.30 alle 12) davanti a tutti i posti di lavoro e all’Ats.

“In Lombardia, come in altre regioni italiane, Aiop ha tentato l’atto unilaterale di anticipare alle lavoratrici e ai lavoratori delle aziende associate un anticipo degli incrementi economici previsti dalla preintesa contrattuale della sanità privata siglata lo scorso giugno – dichiarano Fp Cgil – Cisl Fp – Uil Fpl regionali -. Abbiamo già denunciato questo comportamento, che porterebbe verso uno scardinamento del contratto collettivo nazionale che consta di parte economica ma anche di una non meno importante parte normativa. Il contratto va rinnovato subito alle lavoratrici e ai lavoratori che decisamente non meritano questo misconoscimento alla loro professionalità, al loro rispetto e al loro impegno, anche sotto il Covid-19, collaborando con le colleghe e i colleghi della sanità pubblica nel far fronte all’emergenza sanitaria. Senza averne però stessi diritti e riconoscimenti economici. Per questo, con determinazione, mercoledì sarà sciopero per l’intera giornata o turno di lavoro e rispettando i servizi minimi essenziali”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.