Primo giorno di scuola, distanza e mascherine: sui mezzi test superato - BergamoNews
A bergamo

Primo giorno di scuola, distanza e mascherine: sui mezzi test superato fotogallery video

I timori per le tante novità da sperimentare tutte insieme, per ora, paiono essersi rivelati infondati: tantissimi gli studenti arrivati in città nonostante gli ingressi scaglionati ma (quasi) tutti rispettosi delle regole.

Al netto di qualche affettuoso abbraccio, tipico della situazione, e di incolonnamenti agli ingressi degli istituti, i timori per il primo giorno della nuova scuola paiono essersi rivelati infondati in città.

Distanze, mascherine e mezzi rispettosi della quota dell’80% di capienza massima hanno fatto filare liscia la mattinata di lunedì 14 settembre, nella fascia oraria 7-8, quella più temuta per la contemporanea presenza anche dei lavoratori.

Da promuovere l’atteggiamento degli studenti che, come detto, non hanno resistito solamente all’abbraccio di chi, in molti casi, non si vedeva da metà febbraio: pochissimi i giovani senza mascherina (o meglio, con mascherina abbassata), qualche “assembramento” in fase di entrata a scuola ma davvero limitato al solo confluire all’interno degli edifici.

In mattinata ha funzionato anche il senso unico istituito nel sottopasso della stazione, che ha portato gli studenti verso il polo scolastico di via Gavazzeni.

E proprio nella zona della stazione, la più “attenzionata”, la situazione è stata sotto controllo: nonostante l’elevato numero di studenti arrivati in città, infatti, non si sono visti affollamenti nei piazzali o sui mezzi pubblici, che hanno aumentato le corse proprio per favorire una migliore distribuzione degli utenti.

Rimane forse ancora un po’ di timore sull’utilizzo di bus e tram, e lo si nota dall’elevato numero di auto private con studenti a bordo.

Ma, ascoltando le parole del direttore generale di Atb e amministratore delegato di Teb Gianni Scarfone, quella sensazione diventa qualcosa di più di un sospetto: “Abbiamo segnali che sono legati all’andamento della campagna abbonamenti che mostrano una riduzione rispetto al 2019-2020: ce lo aspettavamo, ma confermiamo che a bordo degli autobus si viaggia in condizioni di sicurezza. L’importante è che i ragazzi portino la mascherina a bordo: stiamo facendo di tutto per mettere in campo la maggior capacità possibile in termini di servizi, siamo oltre il 10% in più rispetto agli anni precedenti. Con la giusta flessibilità contiamo che ci si adatti anche quando si passerà da orari provvisori a orari definitivi”.

leggi anche
  • Bergamo
    Gli auguri del sindaco Gori per il rientro a scuola: “Col fiato sospeso”
    Gori bambino
  • Coronavirus
    Rientro a scuola, gli studenti bergamaschi preoccupati: “Gli autobus fanno paura”
    scuola unsplash
  • Bergamo
    Il sottopasso della stazione resta aperto, ma con un unico senso nelle ore di scuola
    Sottopasso della stazione
  • Si parte!
    Catalogo dei mezzi di trasporto per raggiungere la scuola
    pensiline bergamo
  • Bergamo
    Scuola, assembramenti al secondo turno di entrata
    Scuola, a Bergamo si ricomincia
  • Bergamo e provincia
    Primo giorno di scuola, la Cgil: “Non assegnati due terzi dei posti di ruolo vacanti a docenti e Ata”
    Professore
  • Nelle scuole statali
    Calano gli studenti bergamaschi: 1.265 in meno, sono i più piccoli, di asili e primarie
    alunni
  • Bergamo e provincia
    Scuola, il primo giorno: ancora cantieri in città, problemi sui bus in Valseriana e nella Bassa
    scuri scuola
  • La denuncia
    “Nelle scuole bergamasche mascherine scadute”; Arcuri: “La data è sbagliata”
    lettera arcuri mascherine
  • Scuola
    Supplenti a Bergamo: punteggio errato, scatta il licenziamento
    Primo giorno di scuola a Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it