Quantcast
Controllano la regolarità delle armi, gli trovano in casa 50 chili di droga - BergamoNews
A valbrembo

Controllano la regolarità delle armi, gli trovano in casa 50 chili di droga

Arrestato dai carabinieri di Villa d'Almè l'impiegato di 29 anni

Lo scorso scorso week-end, nel corso di un apposito servizio per controllare il rispetto della normativa in materia di armi, i carabinieri della Stazione di Villa d’Almé hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino italiano 29enne, impiegato, domiciliato a Valbrembo, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari avevano notato che l’uomo, durante il controllo sulle armi, aveva un atteggiamento strano che li ha indotti a eseguire una perquisizione domiciliare. Qui è stato rinvenuto un ingente quantitativo di droga: circa 50 chili di marijuana, oltre alla somma di denaro contante di oltre 11.000 euro di cui non ha saputo giustificare la provenienza. Al termine delle formalità di rito, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bergamo ha disposto gli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima.

leggi anche
Carabinieri mascherina
San paolo d'argon
In casa droga, microspie e un fiume di denaro: 4 fermati dai carabinieri
carabinieri nostra
Carabinieri
Arcene, allaccio abusivo alla rete elettrica e detenzione di droga: un arresto
Litiga col vicino e arrivano i carabinieri: in casa trovano armi e droga
A san paolo d’argon
Lite per la siepe, arrivano i carabinieri: in casa trovano armi e droga
Generico settembre 2020
Polizia
Bergamo, 24enne in manette: quasi un chilo di droga sepolta in giardino
droga casirate
A casirate
Perquisizione in condominio: in un garage scovati oltre 30 chili di droga
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it