Quantcast
Catalogo dei mezzi di trasporto per raggiungere la scuola - BergamoNews
Si parte!

Catalogo dei mezzi di trasporto per raggiungere la scuola

Breve guida per capire con quanti e quali mezzi potrete raggiungere la vostra scuola dopo l’accordo tra Stato e società di trasporti

Per tutti quelli che non se ne fossero accorti l’estate sta volgendo al termine e, come d’abitudine, l’attività scolastica sta per riprendere.
(Musica triste in sottofondo)

Il periodo di vacanze che abbiamo affrontato, è bene ricordarlo, non è stato però abituale poiché al divertimento e alla spensieratezza tipica di questi tre mesi si sono dovute aggiungere doverose misure di prevenzione quali distanziamento sociale, mascherine, igienizzante per le mani e molte altre che, seppur piccole, hanno completamente cambiato le nostre abitudini.

Tali restrizioni proseguiranno anche durante l’anno scolastico coinvolgendo, tra i vari, la disposizione dei banchi in classe, l’impossibilità di svolgere un intervallo canonico per via degli assembramenti, il fatto di prestare anche solo una semplice penna al compagno ma più di tutto i mezzi, che ogni giorno venivano stipati all’inverosimile di ragazzi senza alternative per poter raggiungere in tempi brevi la propria scuola.

Dopo settimane di trattative tra Stato e società di trasporti si è infatti giunti ad un accordo che sembra definitivo: per garantire un distanziamento minimo di sicurezza ogni mezzo potrà contenere l’80% della sua reale capienza.

Benché vantaggiosa ed obbligata, questa misura taglierà di molto i posti a disposizione ogni giorno ed è per questo che diventa indispensabile pensare a modi alternativi per recarsi nel proprio triste, noioso, faticose e (solo ogni tanto) gratificante luogo di lavoro.

Ecco a voi una breve e lista con tanto di pro e contro per ogni soluzione:

Piedi

Partiamo dal più canonico, antico, ecologico e pratico mezzo di trasporto: i piedi. Non serve la patente, non si inquina, si può bere (moderatamente) quando li si utilizza e certamente sono utili per la salute. Qualora fosse possibile sarebbe infatti il caso di cogliere l’occasione per ridurre ancora una volta l’emissione di gas sul nostro pianeta, facendo una passeggiata quando possibile per svegliarsi al meglio prima di una lunga e faticosa giornata di scuola.

Pro: si aiuta il pianeta e ci si allena

Contro: utile solo per brevi distanze, a meno che non si voglia arrivare a scuola grondanti di sudore

Pullman

Grande classico per gli studenti di tutto il mondo, lo scuolabus rappresenta forse il mezzo di trasporto più completo e trasversale di tutti: passa in moltissimi paesi e con vari percorsi raggiunge quasi sempre la destinazione desiderata.

Pro: se si riesce a trovare l’abbonamento giusto il risparmio è notevole, si inquina meno rispetto che con una normale auto e la copertura è capillare sul territorio

Contro: i ritardi, le pessime condizioni che spesso impediscono l’utilizzo del mezzo, il distanziamento pressoché impossibile da mantenere per via delle poche corse destinate a tratte molto affollate.

In questo caso più degli altri è bene ricordare quanto tenere la mascherina ed evitare di salire su pullman già saturi sia d’obbligo in periodi come questi. Un ritardo sul registro non vale certo la vostra vita o quella di un congiunto.

Automobile

Mezzo di grande comodità per pochi fortunati che per motivi di età, di genitori che lavorano vicino alla scuola o semplicemente magnanimi, possono recarsi dove devono in un tempo molto ridotto rispetto ad altri colleghi.

Pro: si evitano assembramenti e rischi di contagio, si risparmia molto tempo e (se condivisa con altre persone) permette anche un risparmio notevole

Contro: utilizzare ogni giorno l’automobile per almeno 2 volte va sicuramente contro quanto detto per mesi dalla povera Greta, se poi a questo aggiungiamo un costo economico elevato (benzina, assicurazione, eventuali caselli, logoramento del mezzo) è facile comprendere come questo non sia proprio il mezzo ideale per recarsi a scuola ogni giorno

Bicicletta di proprietà (elettrica e non)

Più o meno lo stesso discorso fatto per i piedi: mezzo antico e semplice che mette d’accordo il bisogno green di molto giovani con la possibilità di percorrere grandi distanze in un tempo relativamente breve

Pro: disponibili a prezzi abbordabili (soprattutto se usate) le biciclette sono facilmente ammortizzabili grazie a bonus statali e al risparmio che nei mesi si è avuto su abbonamenti vari che si sarebbero sottoscritti, a questo va poi aggiunta la comodità di andare tanto veloci e lontani quanto il nostro allenamento ci permette

Contro: già la scuola è faticosa, se poi ci si arriva stanchi e sudati in partenza la giornata non può che partire con il piede sbagliato. Se a ciò si somma il rischio di un furto, la pericolosità di sfrecciare tra le automobili con il nostro due ruote o una banale gomma bucata capiamo che i contro sono comunque corposi

Treno

Bandiera di milioni di universitari, il treno è un mezzo trasversale utilissimo per le grandi distanze, unendo a questo un costo molto contenuto e un sistema di cambi che ci permettono di arrivare più o meno ovunque

Pro: tutto sommato comodo, detraibile dalle tasse, ti permette di fare un riposino o di rileggere gli appunti e, se combinato con i giusti abbonamenti mensili o annuali, davvero economico

Contro: i frequentissimi ritardi (spesso inspiegabili) che ci faranno perdere ogni coincidenza programmata per quel giorno coadiuvati da macchine in stato di semi abbandono e da un personale che molto spesso è tutto fuorché propenso ad aiutarti rendono probabilmente il treno il “vorrei ma non posso” dei mezzi, tanto buono in teoria quanto, spesso, fatiscente nella pratica.

“Però il treno è sempre il treno”

Monopattino di proprietà (meglio se elettrico)

New entry del 2020 sono i monopattini elettrici che, senza alcuna patente e con ancora poche regolamentazioni, sono senz’altro il mezzo di cui più si sta parlando in questo particolarissimo anno

Pro: grazie ai bonus statali e al moderato costo di certi prodotti sul mercato il monopattino elettrico, così come lo era stata la bicicletta anni fa, è l’esempio perfetto di mezzo green che senza sudare ci può portare ovunque molto in fretta

Contro: sfruttando una sorta di vuoto legislativo i monopattini sono sì utili ma anche molto rischiosi. Avere sotto le mani un mezzo che tocca i 25 km/h non è cosa da poco, se poi a questo aggiungiamo che chi li usa spesso non ha nemmeno la patente diventa chiaro che la pericolosità è elevata, soprattutto pensando allo scenario in cui all’uscita da scuola decine di monopattini sfrecciano in direzioni opposte.

Biciclette o monopattini in affitto

Idea da non sottovalutare è anche quella di affittare giorno per giorno biciclette o monopattini sbloccabili grazie a praticissime app per cellulare

Pro: idea green economica nel breve periodo, comoda per via della capillarità con cui i mezzi sono stati distribuiti nel comune di Bergamo e limitrofi e sicuramente a rischio zero di furto

Contro: benché inizialmente non venga richiesto alcun esborso rilevante, alla lunga tale abitudine potrebbe assumere tratti molto costosi che, pur sottoscrivendo abbonamenti giornalieri o mensili, finiscono per rendere tale opzione una delle più costose della lista

Tram

Da circa dieci anni presente sul territorio, con un collegamenti fra Bergamo e Albino ha permesso alla gente della Valle Seriana una comodità non da poco. Turisti, Pendolari, studenti..chiunque sale sul mezzo elettronico pur di evitare traffico e code.

Pro: a sostegno della natura in quanto il Tram usa energia elettrica

Contro: affollamento soprattutto negli orari di punta, col picco di passeggeri tra studenti e lavoratori, costretti a dover stare gli uni attaccati agli altri

Periodi particolarissimi come quelli che stiamo vivendo rendono necessarie misure all’altezza, non abbiate quindi paura di cambiare quelle abitudini che per voi sono state fondamentali fino ad oggi e, più di tutto, abbiate fantasia al fine di evitare inutili focolai e preservare la salute vostra e di coloro a cui volete bene.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Primo giorno di scuola a Bergamo
A bergamo
Primo giorno di scuola, distanza e mascherine: sui mezzi test superato
Scuola, a Bergamo si ricomincia
Bergamo
Scuola, assembramenti al secondo turno di entrata
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI