BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova passerella sul Serio, tutto pronto: cambia la viabilità nel weekend

Nei giorni di chiusura il traffico sul ponte di Gorle sarà vietato per veicoli e i pedoni. Sabato, inoltre, sarà vietato il traffico tra Villa di Serio e Pedrengo lungo le vie Marconi e Piave: verrà istituito in via Marconi il doppio senso di marcia per consentire ai residenti l'uscita in direzione Villa di Serio

Meteo permettendo, l’inaugurazione della passerella ciclopedonale sul fiume Serio che mette in collegamento i Comuni di Scanzorosciate, Gorle e Pedrengo è prevista nel weekend tra venerdì 11 e domenica 13 settembre.

Le modifiche alla viabilità

Nei tre giorni di chiusura il traffico sul ponte Marzio (ovvero il ponte di Gorle) sarà vietato per tutti i veicoli e anche per i pedoni. Sabato 12 settembre, inoltre, giorno in cui sarà vietato il traffico tra Villa di Serio e Pedrengo lungo le vie Marconi e Piave, verrà istituito in via Marconi il doppio senso di marcia per consentire ai residenti l’uscita in direzione Villa di Serio.

La Protezione Civile di Scanzorosciate fa inoltre sapere che sabato sarà chiuso anche l’incrocio del Tadini, per cui vi invita a trovare percorsi alternativi alla chiusura della strada provinciale. Il traffico riprenderà regolarmente lunedì 14 settembre in concomitanza con la riapertura delle scuole.

I residenti dell’ultimo tratto di corso Europa, via Gramsci, e soprattutto via Marconi e via Galilei, potranno accedere alle proprie abitazioni anche durante la chiusura del sabato, in deroga al senso unico di marcia vigente.

Per gli utenti di Atb ci sarà la deviazione del percorso con modifica degli orari: vi invitiamo a consultare il sito di Atb per essere aggiornati in tempo reale.
>

L’opera attesa da decenni

La nuova passerella ciclopedonale è lunga 55 metri, ad un’unica campata, con un manufatto ad alta tecnologia e realizzato prevalentemente in un materiale ad elevata resistenza nel tempo (l’acciaio trattato “corten”) e dopo il suo varo sarà per alcuni mesi monitorata per eseguire i collaudi previsti dalla normativa vigente. Solo dopo i collaudi la passerella sarà accessibile a pedoni e ciclisti.

“Nei giorni di chiusura ci saranno dei disagi per raggiungere i Comuni della zona – hanno spiegato i sindaci di Gorle Giovanni Testa, di Scanzorosciate Davide Casati e di Pedrengo Simona D’Alba – ma gli accessi alla parte est dell’hinterland della nostra provincia saranno garantiti tramite Seriate e Villa di Serio utilizzando le strade provinciali. Chiediamo ai cittadini di portare pazienza, nella consapevolezza che quest’opera, attesa da decenni, consentirà a pedoni e ciclisti di transitare in sicurezza da una sponda all’altra del fiume, senza rischiare ogni volta di essere travolti dai veicoli in transito sullo stretto ponte esistente”.

“L’auspicio- aggiungono – è che dopo questo intervento Provincia e Regione mettano le risorse per risolvere il problema del traffico automobilistico con la nuova strada di penetrazione da est e la realizzazione di un nuovo ponte a sud dell’attuale”.

La passerella ciclopedonale verrà inaugurata e sarà quindi percorribile la prossima primavera, dopo le operazioni di collaudo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco Giuseppe

    Sono dei pazzi. comuni cge credono di essere i padroni del mondo. con la loro chiusura del ponte per tre giorni, non si riesce più a muoversi da Seriate a Bergamo e vice versa. Seriate e via Borgo Palazzo paralizzate, code per arrivare a Seriate che iniziano poco dopo Albano. chi paga i danni economici, ecologici, morali agli altri cittadini? Gorle e Scanzo? Ma certo per chi lavora solo sberle, ma per inutili biciclette si spende e spande.
    La viabilità all’uscita di questo scempio provocherà il caos totale del traffico. C’è anche chi vuole togliere terreno privato alle aziende della zona, per favorire il traffico di ciclisti e monopattini. come detto sopra, solo sberle e danni per chi lavora, invece.