BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Strada del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi

Informazione Pubblicitaria

Moscato e formaggi orobici, Laboratorio del Gusto sold out: “Obiettivo riattivare i sensi”

Enrico Radicchi della Condotta Slow Food Bergamo presenta l’iniziativa organizzata sabato 12 settembre a Scanzorosciate

Più informazioni su

Risvegliare i sensi ed essere consapevoli del proprio stile alimentare. Sono questi gli obiettivi del Laboratorio del Gusto “Le eccellenze bergamasche: Moscato di Scanzo e i Formaggi delle Orobie”, che si terrà sabato 12 settembre all’hotel San Rocco di Scanzorosciate.

L’iniziativa, che rientra nel programma del Settembre del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi, è organizzata dalla Strada del Moscato in collaborazione con Slow Food e Terre del Vescovado. Abbiamo intervistato Enrico Radicchi della Condotta Slow Food Bergamo per saperne di più.

Com’è nata questa iniziativa?

I Laboratori del Gusto di Slow Food sono nati negli anni Novanta per una ragione semplicissima ma al tempo stesso molto complessa, cioè combattere l’omologazione del gusto. In Europa, negli anni Ottanta, anche se non se ne accorgeva nessuno, si stava diffondendo uno stile alimentare tutto uguale e rivolto al mangiare veloce. Come indica il nome Slow Food, siamo in antitesi al concetto di fast food: vogliamo smuovere la nostra sensorialità perchè l’omologazione atrofizza i sensi e porta le persone a non riuscire più a distinguere un alimento dall’altro. La riattivazione dei sensi, invece, ci permette di diventare sempre più consapevoli e si riallaccia a concetti più ampi e per noi molto importanti come la salvaguardia dell’ambiente e la questione del clima.

Da diversi anni proponete i laboratori alla festa del Moscato: com’è nata la collaborazione?

Per noi Scanzorosciate è una comunità molto avanzata e intelligente perchè al suo interno si muovono diversi soggetti in maniera integrata prestando attenzione alla sostenibilità. Qui abbiamo l’orto scolastico più grande d’Italia che ci permette di sviluppare attività educative legate all’alimentazione. In questo contesto abbiamo dato vita a un progetto di filiera per la produzione di pane di grano coltivato nei nostri territori che viene prodotto e consegnato alle mense scolastico. La scuola è centrale in questa comunità e stiamo collaborando da anni con l’amministrazione del paese che si impegna per la realizzazione di questi eventi compresa la festa del Moscato.

Come si svolgerà il laboratorio di sabato?

Proporremo in degustazione cinque fra i migliori formaggi della Bergamasca, i Principi delle Orobie, con il Moscato di Scanzo, eccellenza straordinaria locale, e a supporto ci sarà il pane di filiera di cui parlavo prima. I partecipanti assaggeranno cinque formaggi alla cieca – senza sapere inizialmente quali siano – e a ognuno verrà abbinato il Moscato. Al termine dovranno esprimere la propria preferenza ragionando sull’abbinamento che hanno gradito maggiormente. L’iniziativa è simpatica e piacevole, ma offre anche l’opportunità di approfondire i gusti delle persone e di capire la propria posizione rispetto all’alimentazione.

Può dare alcuni consigli ai lettori su come effettuare degustazioni come questa?

Quando mangiamo un alimento – in questo caso un pezzetto di formaggio, ma lo stesso discorso vale per i salumi o altro – dobbiamo fare in modo che rimanga nell’alveo della nostra bocca quando introduciamo il Moscato di Scanzo. In questo caso la nostra bocca diventa un piccolo laboratorio e i sensi vengono attivati dall’abbinamento e li memorizziamo. È un’esperienza divertente che rende ognuno di noi più consapevole della propria modalità e della propria storia alimentare.

Per concludere, la risposta delle persone è buona?

Si, sono i partecipanti ai nostri laboratori a sottolineare di aver riscoperto la propria sensorialità. Il Laboratorio di sabato ha registrato sold out e abbiamo creato una lista d’attesa per chi volesse iscriversi nel caso si liberassero posti.
Una parte del ricavato del laboratorio verrà devoluto a sostegno del progetto dei 10mila orti in Africa, che vede impegnata Slow Food da tanti anni.

Sul sito ufficiale, www.festadelmoscato.it, si trovano tutte le informazioni, le modalità di prenotazione e il calendario con degli eventi del “Settembre del Moscato di Scanzo e dei sapori scanzesi”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.