Giorgio, morto 8 giorni dopo lo schianto in moto: aveva 24 anni - BergamoNews
Il dramma

Giorgio, morto 8 giorni dopo lo schianto in moto: aveva 24 anni

Troppo gravi i traumi riportati nello schianto avvenuto nella notte tra lunedì e martedì scorso in Borgo Palazzo. Sui social lo struggente addio del papà

Non ce l’ha fatta Giorgio Conti. È morto a soli 24 anni, dopo avere lottato per 8 giorni in seguito all’incidente in scooter in Borgo Palazzo. Troppo gravi i traumi riportati nello schianto avvenuto nella notte tra lunedì e martedì scorso, in piazza Sant’Anna, poco dopo l’incrocio con via Calepio, quando è finito in moto contro i paletti parapedonali.

Il giovane si è spento mercoledì 9 settembre all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, lasciando nel dolore papà Giuseppe e la sorella Beatrice, due anni più grande di lui.

Giorgio era diventato grande in una famiglia già segnata da un grande lutto: la scomparsa della mamma, Simonetta, morta nel 2005 a causa di una malattia.

Aveva studiato al Centro di formazione professionale (Cfp) del Patronato San Vincenzo di Bergamo, dove si era diplomato con il massimo dei voti. Da quattro anni lavorava come apprendista elettrauto alla Elettronic Car Service di via Monte Cenisio. “Addio figlio mio – ha scritto il padre Giuseppe sul suo profilo Facebook – ora sei tra le braccia della tua mamma e i tuoi organi speriamo daranno vita ad altre persone in cui vivrai, facendoci felici”.

I funerali saranno celebrati lunedì 14 settembre alle 10 nella chiesa di Ognissanti al Cimitero monumentale di Bergamo.

leggi anche
  • Nella notte
    Cade in moto lungo via Borgo Palazzo: grave 24 enne
    ambulanza notte
  • Il dramma
    Gabriel, 28 anni, morto tre giorni dopo lo schianto a Dalmine contro un furgone
    Gabriel Rigueti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it