Cassazione: inviare foto hard con WhatsApp a minori è violenza sessuale - BergamoNews
Legge

Cassazione: inviare foto hard con WhatsApp a minori è violenza sessuale

Respinto il ricorso degli avvocati di un uomo indagato per avere inviato messaggi e foto esplicite ad una ragazza invitandola a fare altrettanto

È legittimo contestare la violenza sessuale anche a chi invia foto hard via WhatsApp a un minore.

Lo ha stabilito la terza sezione penale della Cassazione, respingendo il ricorso degli avvocati di un 32enne indagato per avere inviato messaggi “allusivi e sessualmente espliciti” a una ragazza minorenne, assieme a una foto hard e alla richiesta di ricevere un’immagine dello stesso genere da lei “sotto la minaccia di pubblicare la chat” su un altro social e pagine hot.

leggi anche
  • Dalla polizia di stato
    Violenza sessuale e lesioni: arrestato giovane nell’Isola
    polizia squadra mobile
  • Ad albano
    Telecamera in bagno “per filmare la collega-amante”: il sindaco maestro rischia il posto
    donna in bagno
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it